Versione del libro Maiorum Lingua A

Dominae et ancillae

Traduzione della versione di latino dal libro "Maiorum Lingua A"

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Flavia matrona romana est et multas ancillas habet. Ancillae dominae oboediunt et varias operas agunt:aliquae culinae studentpateras et amphoras lavant…

Traduzione Italiana

Flavia è una matrona romana e ha molte ancelle. Le ancelle obbediscono alla padrona e svolgono vari lavori. Alcune si occupano della cucina, lavano le coppe e le anfore, preparano la cena per la padrona e decorano la tavola con rose e viole, altre puliscono giornalmente l’aia e danno il cibo alle galline, agli agnelli e alle caprette; altre aiutano i contadini con abilità e zelo; altre lavorano la lana, la lavano e la tingono con la porpora; altre si occupano con diligenza della piccola figlia di Flavia. Quintilla, la figlia di Flavia, piange spesso e desidera giocare; allora Marzia, ancella premurosa, dà la palla a Quintilla e canta delle canzoncine. Flavia osserva attentamente il lavoro delle ancelle: quelle diligenti vengono lodate, quelle pigre e lente vengono ammonite e punite. Le ancelle amano la padrona buona e giusta e le obbediscono con piacere, temono quella severa. Dopo cena la padrona e le ancelle siedono presso il focolare e cantano con grande allegria e ascoltano i racconti narrati dalla nonna. Le padrone onorano la dea Vesta, patrona delle matrone. Le ancelle onorano la dea Libera, protettrice delle schiave. La statua di Vesta è ornata dalle matrone con corone di rose, le ancelle decorano la statua di Libera con corone di spighe.