Versione del libro Maiorum Lingua A

Emilio Paolo e Scipione Emiliano

Pagina 438, versione 75 del libro Maiorum Lingua A.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Scipio Aemilianus filius Aemilii Pauli in familiam Scipionum adoptione pervenit. Paulus tam strenuus in bello quam fortis in vita privata…

Traduzione Italiana

Scipione l'Emiliano, figlio di Emilio Paolo, giunse nella famiglia degli Scipione per adozione. Paolo fu tanto valoroso in guerra quanto forte nella vita privata. Egli infatti, mentre celebrava il trionfo su Perseo, re dei Macedoni - infatti aveva combattuto con lui presso Pidna e aveva riportato una vittoria memorabile - sopportò con forte e grande animo la prematura morte dei due figli. Scipione, già da giovane, superò la speranza e l'aspettativa dei cittadini con un ingegno acuto e pronto. Successivamente, spiccò tanto nell'arte militare da essere un famoso comandante e prendere e distruggere le città ostili ai Romani, Cartagine in Africa e Numanzia in Spagna. Ma la fama della probità della sua vita fu molto più splendida della gloria delle armi. Infatti è noto che Scipione coltivasse sempre la giustizia e l'integrità e fosse più amante della patria che del comando e della ricchezza. Per i suoi costumi piuttosto semplici e per la disciplina severa della vita fu sempre caro a tutti i cittadini e, quando morì, tutta la cittadinanza pianse sinceramente la sua morte. Giustamente, dunque, Cicerone chiamò Scipione Emiliano «uomo divino».

 

Analisi

1. Individua nel testo le forme di comparativo, precisando l'aggettivo di grado positivo da cui derivano.

tam strenuus... quam fortis: strenuus, a, um.

multo splendidior fuit: splendidus, a, um.

amantiorem patriae quam imperii divitiarumqueamans.

mores simpliciores: simplex.

2. Per ogni forma di comparativo di maggioranza indica come viene introdotto il secondo termine di paragone.

fama probitatis eius vitae armorum gloria multo splendidior fuit: ablativo semplice.

amantiorem patriae quam imperii divitiarumque: quam e il caso del primo termine.

3. Individua i casi in cui il comparativo è usato come «comparativo assoluto».

simpliciores.

4. Individua nel testo la comparazione di uguaglianza e precisane la struttura.

tam strenuus in bello quam fortis in vita privata fuit: tam + aggettivo al grado positivo + quam + secondo termine di paragone.

5. Che cos'è e quale funzione svolge multo (riga 8)?

E' un avverbio che rafforza il comparativo.

6. Di che tipo sono le proposizioni subordinate introdotte dalle coniugazioni:

- dum (riga 2), temporale.
- ut (riga 6), consecutiva.
- cum (riga 11), temporale.