Versione del libro Maiorum Lingua A

Saggezza del re spartano Agesilào

Pagina 429, versione 71 del libro Maiorum Lingua A.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Quia Messenii a Sparta defecerant Agesilaus Lacedaemoniorum rex in eorum fines cum ingenti exercitu pervenit ut eos in Lacedaemoniorum potestatem…

Traduzione Italiana

Poiché i Messeni si erano ribellati a Sparta, Agesilao, re dei Lacedemoni, giunse nei loro confini con un grande esercito, per ridurli nuovamente in potere degli Spartani. Dopo aver posto l'accampamento, mandò avanti i cavalieri perché esplorassero tutti i posti e osservassero i comportamenti degli abitanti. Essi riferirono ad Agesilao che non soltanto gli uomini avevano preso le armi, ma anche le donne e gli anziani erano pronti a combattere per difendere la propria libertà. Gli esploratori, poi, aggiunsero che le armi erano state distribuite anche agli schiavi: a essi, infatti, se avessero combattuto valorosamente, era stata promessa la libertà. Allora Agesilao, sapute le intenzioni dei Messeni, per non mettere in pericolo la vita dei suoi soldati inutilmente, ordinò che fosse rimosso l'accampamento e se ne andò dalla Messenia. Sapeva, infatti, che i Messeni, dal momento che avevano perso la speranza di vivere e combattevano per la libertà, si sarebbero battuti con più forza.

 

Analisi

1. Individua e trascrivi le proposizioni infinitive presenti nel testo, precisando il rapporto temporale (di anteriorità, contemporaneità, posteriorità) con la sovraordinata.

non solum homines arma arripuisse sed etiam... esse: anteriorità.

arma etiam servis distributa esse: anteriorità.

castra moveri: contemporaneità.

Messenios... fortius idcirco dimicaturos esse: posteriorità.

2. Quale particolare costrutto presenta l'infinitiva dipendente da iussit (righe 8-9)?

Presenta il verbo all'infinito passivo perché è omessa la persona a cui è rivolto l'ordine.

3. Individua nel testo:

- le proposizioni subordinate narrative (cum + cong.), specificandone il valore causale
o temporale;

Cum castra posuisset: valore temporale.

cum... desperarent ac... pugnarent: valore causale.

- le proposizioni introdotte dalle congiunzioni ut e ne, indicando se sono subordinate
finali o completive;

ut eos in Lacedaemoniorum potestatem rursus redigeret: proposizione finale.

ut omnia loca explorarent atque incolarum animos perspicerent: proposizioni finali.

ut libertatem suam defenderent: proposizione finale.

ne suorum militum vitam frustra in discrimen adduceret: proposizione finale.

- il costrutto dell'ablativo assoluto.

consiliis cognitis.