Versione del libro Maiorum Lingua A

Un viaggio da Atene a Roma

Traduzione della versione di latino dal libro "Maiorum Lingua A"

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Navis et vectorum et mercium plena Piraeum Athenarum portum relinquit: vectores oculos adiciunt in mirum Athenae deae templum- Graeca lingua…

Traduzione Italiana

La nave, piena sia di passeggeri che di merci, lascia al Pireo, porto degli Ateniesi: i passeggeri volgono lo sguardo al grandioso tempio di Atena – detto Partenone in lingua greca – che risplende sulla cima della città, che viene chiamata Acropoli. Velocemente la nave viene condotta in alto mare secondo la rotta del vento. Dopo alcune ore tramonta il sole e la notte porta le stelle in cielo, che mostrano la via ai marinai. Già la nave lascia a sinistra Citera, isola sacra alla dea Venere, a destra il promontorio Tenaro, per dove c’è la via verso gli inferi. Quando la nave entra nel mare Ionio,i passeggeri vedono e salutano le coste dell’Italia. Fino alla Sicilia la navigazione è tranquilla, ma lo stretto Siculo, tra Scilla e Cariddi, orribili mostri, è agitato dalla forza dei venti. Alla fine, per l’abilità del timoniere, la nave arriva nel mare Tirreno e i passeggeri, stanchi per il lungo viaggio, con grande gioia vedono le coste del Lazio. Finalmente la nave dall’alto mare arriva al porto di Ostia; i passeggeri scendono dalla nave e rendono un sacrificio a Nettuno, re delle acque e dei mari, e a Giove, padre degli uomini e degli dèi.