Versione del libro Maiorum Lingua B

Cesare rifiuta le proposte di Pompeo

Traduzione della versione di latino dal libro "Maiorum Lingua B"

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Caesar cognita militum voluntate cum ea legione quam secum a Gallia duxerat Ariminum contendit ibique castra posuit. Eo Lucius Caesar…

Traduzione Italiana

Cesare, saputa la volontà dei soldati, con quella legione che aveva condotto con sé dalla Gallia, si diresse a Rimini, e qui pose l'accampamento. Là si recò il giovane Lucio Cesare, legato di Pompeo, con il pretore Roscio. Egli riferì a Cesare i mandati di Pompeo e lo pregò di non nuocere allo Stato e placare la sua ira. Pressoché le stesse cose e con le medesime parole discusse il pretore Roscio con Cesare, che espose loro le sue condizioni di pace. Roscio, con Lucio Cesare, giunse a Capua e là trovò i consoli e Pompeo; riferì le condizioni di Cesare. Quelli, ascoltate le condizioni di Cesare e presa la decisione, gli mandarono tramite questi una lettera. Nella lettera, Pompeo e i suoi alleati chiedevano a Cesare che si allontanasse da Rimini, tornasse in Gallia, congedasse l'esercito; se avesse fatto queste cose, promettevano che Pompeo stesso si sarebbe recato in Spagna. cesare, udite queste richieste, considerò inique le condizioni, e così mandò ad Arezzo Marco Antonio con cinque coorti, egli stesso con altri soldati occupò Pesaro, Fano, Ancona.