Versione del libro Maiorum Lingua B

Colloquio fra Scipione Africano e Annibale

Pagina 97, Esercizio 118 del libro Maiorum Lingua B.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Notum est secundo Punico bello apud Zamam Hannibalem victum esse a Pubio Cornelio Scipione qui ob illam victoriam "Hafricanus" cognominatus…

Traduzione Italiana

E' noto che nella seconda guerra punica Annibale fu sconfitto presso Zama da Publio Cornelio Scipione che, per quella vittoria, fu soprannominato "Africano". Raccontano che, dopo alcuni anni, i due famosissimi comandanti, Scipione e Annibale, fossero venuti a colloquio e avessero fatto tra loro questo discorso. Scipione chiese ad Annibale chi considerasse come il maggior comandante di tutti i tempi; Annibale rispose di pensare come il miglior comandante Alessandro, re dei Macedoni, perché con poche truppe sbaragliò in Asia eserciti innumerevoli e perché vide gli estremi lidi della terra oltre i quali mai nessuno fu. Poi, a Scipione Africano che domandava chi ponesse come secondo, Annibale rispose che considerava secondo Pirro, re degli Epiri, perché per primo insegnò a porre gli accampamenti e a disporre i presidi. Infine Scipione chiese ad Annibale chi considerasse il terzo più grande comandante: Annibale rispose senza dubbio se stesso come terzo. Allora scipione rise e disse: "Cosa avresti detto se mi avessi vinto?". Rispose Annibale: "Allora davvero mi sarei considerato anche davanti ad Alessandro e davanti a Pirro e a tutti gli altri comandanti".

 

Analisi

Notum est secundo Punico bello apud Zamam Hannibalem victum esse a Pubio Cornelio Scipione = infinitiva soggettiva (retta da notum est)

qui, ob illam victoriam, "Hafricanus" cognominatus est. = relativa propria

Tradunt post aliquos annos duo clarissimos duces, Scipionem et Hannibalem, in colloquium venisse et hunc sermonem inter se fecisse. = infinitive soggettive coordinate, rette da "tradunt".

Scipio ex Hannibale quaesivit quem maximum omnium temporum ducem putaret = costruzione di quaero con ex + ablativo della persona a cui si chiede, e interrogativa indiretta della cosa che si chiede

Hannibal respondit = prinicpale

se maximum ducem Alexandrum, Macedonum regem, putare = infinitiva oggettiva

quod paucis copiis innumerabiles exercitus in Asia fudit et quod ultimas oras terrae visit ultra quas nemo umquam fuit. = causali coordinate da et

Deinde Scipioni Africano quaerenti quem secundum poneret, = costruzione di quaero con interrogativa indiretta della cosa che si chiede

Hannibal respondit = principale

se secundum Pyrrum, Epiri regem, putare = infinitiva oggettiva

quod primus docuit castra ponere et presidia disponere. = causale

Postremo Scipio ex Hannibale quaesivi quem tertium maximum ducem putaret: = costruzione di quaero con ex + ablativo della persona a cui si chiede, e interrogativa indiretta della cosa che si chiede

... semetipsum tertium esse ... = infinitiva oggettiva

"Quid tu diceres si me vicisses?" = interrogativa diretta/periodo ipotetico dell'irrealtà

... me etiam ante Alexandrum et ante Pyrrum et ante alios omnes imperatores esse = infinitiva oggettiva