Versione del libro Maiorum Lingua B

Epaminonda, uomo e comandante esemplare

Pagina 90, Esercizio 115 del libro Maiorum Lingua B

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Difficile est dictu utrum Epaminondas melior vira an dux fuerit. Erat enim modestus prudens litterarum ac philosophiae studiosus peritus belli…

Traduzione Italiana

E' difficile a dirsi, se Epaminonda sia stato migliore come uomo o come comandante. Era infatti modesto, prudente, appassionato di letteratura e filosofia, esperto di guerra, forte nel fisico e nell'animo, talmente amante della verità da non dire il falso nemmeno per gioco. Cercò sempre di ottenere il comando non per sé, ma per la patria, e fu talmente parco di denaro da morire povero ed essere sepolto a spese pubbliche. Né da questa condotta di vita dissentì il suo comportamento nel momento della morte. Infatti Epaminonda, vinti i Lacedemoni presso Mantinea, accorgendosi di essere in fin di vita per una grave ferita, riportato nell'accampamento esanime, unì voce e spirito e chiese a coloro che gli stavano attorno se lo scudo fosse salvo. Poiché gli risposero che era salvo, chiese se i nemici fossero stati sconfitti. Avendo - come desiderava - udito anche ciò, ordinò che l'asta, con la quale era stato trafitto, fosse stratta: sapeva infatti che sarebbe immediatamente morto se l'asta fosse stata estratta. Così, in molto sangue ma lieto e vittorioso, spirò.

 

Analisi

Difficile est dictu = principale 

utrum Epaminondas melior vira an dux fuerit. = interrogativa indiretta disgiuntiva (anteriorità rispetto alla principale)

Erat enim modestus, prudens, litterarum ac philosophiae studiosus, peritus belli, fortis manu animoque, adeo veritatis amans, = principale

ut ne ioco quidem falsum diceret. = consecutiva (conseguenza nel passato)

Imperium non sibi sed patriae semper quaesivit = principale

et pecuniae adeo parcus fuit, = coordinata

ut pauper decesserit atque publico sumptu elatus sit. = consecutive (conseguenza nel passato)

Neque ab hoc vitae proposito mortis ratio dissensit. = principale

Lacedaemoniis apud Mantineam victis, = ablativo assoluto con valore temporale

cum ipse gravi vulnere exanimari se videret, = cum narrativo con valore causale (contemporaneità rispetto alla principale)

in castra semianimis relatus, = participio congiunto (valore temporale)

Nam Epaminondas vocem spiritumque collegit = principale

atque e circumstantibus quaesivit = coordinata

salvusne esset clipeus. = interrogativa indiretta semplice, reale (contemporanea rispetto alle reggente)

Quod cum sui respondissent, = cum narrativo con valore causale

salvum esse = infinitiva oggettiva (contemporanea alla reggente)

rogavit = principale

essentne fusi hostes. = interrogativa diretta semplice (contemporaneità rispetto alla reggente)

Cum id quoque audivisset = cum narrativo con valore temporale (anteriorità rispetto alla reggente)

iussit = principale

evelli hastam, = infinitiva oggettiva (contemporaneità) 

qua transfixus erat: = relativa (anteriorità rispetto alla reggente)

sciebat enim = principale

se statim animam emissurum (esse). = infinitiva oggettiva (posteriorità) / apodosi del periodo ipotetico

si asta extracta esset = protasi del periodo ipotetico dell'irrealtà

Ita in multo sanguine sed laetus et victor exspiravit. = principale