Versione del libro Maiorum Lingua B

Fuga e morte di Pompeo dopo la battaglia di Farsàlo

Pagina 125, versione 124, dal libro Maiorum Lingua B.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Numquam in unum locum convenerant tot tantaeque Romanae copiae quot quantaeque in Thessalia apud Pharsalum dimicaverunt. Ibi enim Caesar et…

Traduzione Italiana

Mai in un solo luogo erano convenute tante e tanto grandi truppe Romane, quante e quanto grandi combatterono in Tessaglia presso Farsalo. Lì infatti Cesare e Pompeo, riunite da ogni dove e schierate in campo ingenti truppe, si scontrarono in battaglia. Si combatté da entrambe le parti con tanta determinazione che l'esito dello scontro fu a lungo incerto. Fu sconfitto, alla fine, Pompeo, e il suo accampamento fu distrutto. Egli, messo in fuga, raggiunse Alessandria, per ricevere truppe ausiliarie da Tolomeo, re d'Egitto, a cui era stato dato come tutore dal senato per la giovane età di quello. Ma il re, per ottenere il favore di Cesare, uccise Pompeo, mandò la sua testa e il suo anello a Cesare, che, vedendo il capo di un tale uomo e di una sorta di suo genero, versò molte lacrime e volle vendicare una tale offesa al nome dei Romani. Così, essendo giunto ad Alessandria, mosse guerra a Tolomeo. Vinto e ucciso e il re, Cesare prese Alessandria e diede il regno a Cleopatra, la sorella di Tolomeo.

 

Analisi

arcessitis atque productis ingentibus copiis: ablativo assoluto

ut exitus... fuerit: proposizione consecutiva

ut... acciperet: proposizione finale

cui tutor... aetatem: proposizione relativa

ut... conciliaret: proposizione finale

qui... fudit... et vindicare voluit: proposizioni relative

cum Alexandriam venisset: costrutto del cum+congiuntivo, con valore temporale

Victo et occiso rege: ablativi assoluti