Versione del libro Maiorum Lingua C

Alessandro replica alle preoccupazioni degli amici

Versione 238 pagina 148 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Iamque amici flentes Alexandrum orabant ut tandem exsatiatus laudi modum faceret ac saluti suae parceret. Grata erat regi piêtas amicorum;…

Traduzione Italiana

E già gli amici in lacrime pregavano Alessandro, finalmente saziatosi, porre un limite alla gloria e di badare alla sua salute. Al re era gradito l’affetto degli amici; così., abbracciatoli uno ad uno, ordinò loro di sedersi in maniera più informale. Disse: “Vi ringrazio veramente, voi tra gli amici e cittadini più fidati e devoti, e vi sono grato non solo perché oggi anteponete alla vostra la mia salute, ma perché dagli inizi della guerra non avete trascurato alcuna testimonianza e indice di benevolenza nei miei riguardi. Del resto io mi misuro non nello spazio di una vita, ma di fama. Mi è stato possibile, contento delle ricchezze paterne, attendere nel riposo dentro i confini della Macedonia una vecchiaia sconosciuta e ignobile, sebbene nemmeno gli uomini pigri dispongano del proprio destino, ma spesso la cruda morte li coglie quando giudicano unico bene una vita lunga. Ma io, che non conto i miei anni bensì le mie vittorie, se bene enumero i doni della sorte, sono vissuto a lungo. Nato in Macedonia, ho il potere sulla Grecia, ho sottomesso la Tracia e gli Illiri, ho l’Asia e già non sono lontano dal limite del mondo. E’ bello per me morire in mezzo a queste azioni, se così vorrà la sorte; sono nato da una stirpe tale che dovrei desiderare una vita intensa piuttosto che una vita lunga.

 

Analisi

flentes  participio congiunto riferito al soggetto amici

ut,  .... faceret  completiva con valore finale

exsatiatus participio congiunto riferito al soggetto della finale (sottinteso Alexander)

ac saluti suae parceret completiva con valore finale coordinata alla precedente

familiarius comparativo dell'avverbio

amplexus participio congiunto da amplector verbo deponente

considere infinito retto da iubet

quod hodie salutem meam vestrae (saluti) praeponitis relativa

quod a primordiis belli nullum erga me benevolentiae pignus atque indicium omisistis.  relativa

contento participio aggettivale riferito a mihi

exspectare infinito retto da licuit

quamquam ne pigri quidem sibi fata disponunt,  concessiva

existimantes  participio congiunto riferito a eos

qui ...  numero relativa

si munera fortunae bene computo,  protasi

diu vixi apodosi

In his operibus exstingui mihi apodosi

si fors ita feret,  protasi

ea stirpe complemento di provenienza

ea ... ut... debeam consecutiva