Versione del libro Maiorum Lingua C

Celebrazione della gloria di Cesare

Versione 252 pagina 180 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Domuisti gentes immanitate barbaras multitudine innumerabiles omni copiarum genere abundantes; sed tamen eas vicisti quae et naturam et condicionem ut…

Traduzione Italiana

Hai domato popoli barbari per crudeltà, innumerevoli per gruppi, ricchi di ogni genere di eserciti; ma li hai vinti, loro che avevano la natura e la condizione per poter essere vinti. Non esiste alcun esercito che non possa essere indebolito e distrutto dalle armi e dalla forza. Non solo vincere il coraggio, frenare l’ira, moderare la vittoria, esaltare l’avversario a terra che si distingue per fierezza, intelligenza e valore, ma anche ingigantire il suo antico prestigio: non paragono chi fece questo ai massimi uomini, ma lo ritengo molto simile a un dio. Con quali lodi ti esalteremo, con quale diligenza ti faremo valere, con quale benevolenza ti abbracceremo? Nessuno dimenticherà mai che hai sottomesso l’intera Gallia e hai annientato i nemici dello stato; così, Cesare, le tue lodi militari saranno certo celebrate non solo dalle nostre lettere e lingue, ma anche da quelle di quasi tutti gli uomini, e nessuna età smetterà di parlare delle tue lodi.

 

Analisi

quae et naturam et condicionem,  ...  habebant  relativa

ut vinci possent,  finale

vinci infinito passivo presente retto da possent

quae non ferro et viribus debilitari frangique possit.  relativa impropria con valore consecutiva

ferro et viribus  ablativi di mezzo

debilitari frangique infiniti passivi presenti retti da possit

vincere cohibere temperare extollere  amplifica re   infiniti storici

simillimum  aggettivo sostantivato al grado superlativo assoluto

quibus  ... complectemur interrogative

te totam Galliam subegisse oggettiva retta da obliviscetur

hostes debellavisse;  oggettiva retta da  obliviscetur  

de tuis laudibus  complemento d'argomento