Versione del libro Maiorum Lingua C

Elevate qualità morali di Attico

Versione 206 pagina 88 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

(Atticus) mendacium neque dicebat neque pati poterat. Itaque eius comitas non sine severitate erat neque gravîtas sine facilitate ut difficile…

Traduzione Italiana

Attico non diceva né poteva tollerare la menzogna. Pertanto la sua disponibilità non era priva di rigore, né la sua seriosità scevra di affabilità, così che era difficile da capire se gli amici lo temessero o piuttosto lo amassero. Tutto ciò che gli veniva chiesto lo prometteva scrupolosamente, poiché riteneva proprio di un uomo non liberale ma insignificante promettere ciò che non avrebbe potuto dare. Ugualmente tanta era la sua preoccupazione di mantenere ciò che aveva acconsentito una volta sola da sembrare che gli facesse non un compito ma una sua questione personale. Non ebbe mai a disdegno un’attività intrapresa: pensava infatti che la sua opinione consistesse in quella situazione, della quale nulla aveva di più prezioso. Accadeva perciò che egli curasse tutti gli affari della famiglia di Cicerone, di Catone, Ortensio, Torquato e di molti cavalieri romani. Da ciò si poteva pensare che egli non per pigrizia ma per scelta avesse evitato l’amministrazione dello stato.

 

Analisi

Pati da patior deponente retto da poterat

ut difficile esset intellectu consecutiva; supino passivo con valore di limitazione retto da difficile

utrum eum amici magis vererentur interrogativa indiretta semplice

an amarent. Interrogativa indiretta disgiuntiva

quod arbitrabatur  causale

non liberalis sed levis hominis sottinteso esse oggettiva dipendente da arbitrabatur

liberalis levis hominis genitivo di pertinenza

arbitrabatur da arbitror verbo deponente

polliceri infinito, verbo deponente retto da esse dell’oggettiva precedente

quod praestare non posset relativa

praestare infinito retto da posset

quod semel annuisset relativa

ut non mandatam sed suam rem videretur agere. Consecutive

videretur agere costruzione personale di videor

suscepti negotii eum pertaesum est la costruzione di questo verbo impersonale: accusativo della persona che prova il sentimento e genitivo della cosa che genera tale sentimento

suam enim existimationem in ea re agi oggettiva retta da putabat

qua secondo termine di paragone del comparativo carius

ut omnia Ciceronum, M. Catonis, Q. Hortensii, A. Torquati, multorum praeterea equitum Romanorum negotia procuraret completiva retta da fiebat

quo complemento di causa

iudicari retto da poterat

fugisse rei publicae procurationem oggettiva retta da iudicari