Versione del libro Maiorum Lingua C

Esemplare pazienza di Filippo il Macedone

Versione 234 pagina 141 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Magna fuit in Philippo Macedonum rege contumeliarum patientia ingens instrumentum ad regni tutelam ac magnis laudibus dignum. Demochares Atheniensis olim…

Traduzione Italiana

Grande fu in Filippo, re dei macedoni, la sopportazione delle offese, grande strumento per la difesa del regno e degno di grandi lodi. Una volta l’ateniese Democare era venuto tra altri inviati ateniesi. Ascoltata con benevolenza la rappresentanza, Filippo disse: “Ditemi che cosa posso fare di gradito agli Ateniesi”. Democare gli rispose: “Impiccarti!”. Sorse sdegno tra presti di fronte a una risposta così disumana. Filippo ordinò loro di tacere e congedò l’uomo sano e salvo. Disse: “Voi, inviati, riferite agli Ateniesi che sono molto più arroganti coloro che parlano in questo modo rispetto a chi ascolta senza danno ciò che viene detto”. Un’altra volta, dopo che una donna aveva perorato una causa di fronte al re che stava addormentandosi a causa del vino ed era stata ingiustamente condannata, gridò che si appellava al suo giudizio. “A chi dunque” disse il re adirato. E lei: “Al Filippo ubriaco e che dorme vicino al Filippo sveglio e sobrio”. Una risposta così sfrontata di una donnicciola scosse il cibo e il sonno del re: esaminò con maggiore attenzione la sua causa e pronunciò una sentenza più giusta.

 

Analisi

Rege apposizione

ingens instrumentum complemento predicativo del soggetto + attributo

ad tutelam complemento di fine

magnis laudibus ablativo + attributo retto da dignum riferito a instrumentum

Audita benigne legatione ablativo assoluto

Dicite imperativo presente attivo seconda persona plurale

quid possim facere interrogativa diretta

quod sit Atheniensibus gratum relativa

suspendere imperativo presente passivo seconda persona singolare

circumstantium  participio sostantivato

quos conticescere oggettiva retta da iussit

nuntiate imperativo presente attivo seconda persona singolare

multo superbiores esse eos oggettiva retta da nuntiate tale proposizione ha valore comparativo esprimente  il primo termine di paragone

qui ista dicunt relativa

quam qui impune dicta audiunt proposizione comparativa esprimente il secondo termine di paragone

cum  ... dixisset  proposizione narrativa

dormitantem  ...  participio congiunto caso accusativo singolare

cum ... fuisset damnata proposizione narrativa

se ab eius iudicio provocare oggettiva retta da exclamavit

Ad quem ergo interrogativa diretta semplice

iratus participio congiunto

poto  ... dormitante  participi aggettivali

vigilantem participio aggettivale

diligentius comparativo dell'avverbio

iustiorem aggettivo di grado comparativo assoluto