Versione del libro Maiorum Lingua C

I Marsigliesi non si schierano

Versione 188 pagina 56 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Pompeius ab Urbe discedens legatos Massilienses adhortatus erat ne nova Caesaris officia veterum suorum beneficiorum in eos memoriam expellerent. Quibus…

Traduzione Italiana

Pompeo, allontanandosi da Roma, aveva esortato i delegati marsigliesi a non rimuovere i nuovi favori di Cesare, ricordo dei suoi antichi benefici nei loro confronti. Ricevuti questi incarichi, I marsigliesi avevano chiuso le porte a Cesare. Cesare chiamò fuori da Marsilia i quindici uomini più importanti. Con essi discusse del fatto che dai Marsigliesi non sorgesse l’inizio di una dichiarazione di guerra e disse: “Voi dovete seguire il prestigio di tutta l’Italia piuttosto che obbedire alla volontà di un uomo solo”. I delegati riferirono in patria le sue parole e, in base all’autorità del senato, riportarono a Cesare queste parole: “Comprendiamo che il popolo romano è diviso in due parti. Non spetta al nostro giudizio, né alle nostre forze distinguere quale delle due parti sia dalla più giusta causa. Ma i capi di tali fazioni, Gneo Pompeo e Gaio Cesare, difensori della nostra città, il primo dei quali ci concesse pubblicamente le terre dei Volcani e degli Elvi, il secondo le terre dei Salluvi sconfitti in guerra e aumentò le nostre rendite. Perciò ai loro pari benefici anche noi dobbiamo rendere un eguale favore e non dobbiamo aiutare nessuno dei due l’uno contro l’altro o accoglierli in città o nei porti”.

 

Analisi

Discedens participio congiunto nominative maschile singolare

Ab urbe complemento di allontanamento

ne … expellerent  finale negativa retta dal verbo deponente adhortatus erat 

Quibus mandatis acceptis ablativo assoluto

Massilia stato in luogo

ne oriatur  finale retta da agit; orior verbo deponente

Inferendi gerundivo caso genitivo singolare

Sequi infinito retto da debetis

Quam obtemperare  secondo termine di paragone; il paragone è tra due verbi sequi, obtemperare

Domum moto a luogo

divisum esse populum Romanum oggettiva retta da Intellegimus 

nostri iudicii neque nostrarum virium est genitivo di pertinenza

discernere infinito sostantivato con valore di soggetto

iustiorem  comparativo di maggioranza con valore assoluto riferito a causam

patroni complemento predicativo del soggetto

quorum alter agros Volcarum et Helviorum publice nobis concessit, relativa

victos participio congiunto riferito a  Salluvios 

tribuere infinito retto da debemus

iuvare infinito retto da debemus

recipere infinito retto da debemus

urbe portibus stato in luogo