Versione del libro Maiorum Lingua C

La vera nobiltà non sta nella grandezza degli antenati

Pagina 16, versione 170 del libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Invident honori meo ergo invideant labori innocentiae periculis etiam meis quoniam per haec illum cepi. Cum apud vos aut in…

Traduzione Italiana

Invidiano la mia carica: invidino dunque la fatica, l’irreprensibilità, perfino i miei rischi, poiché è per mezzo di questo che ho ottenuto il consolato. Quando parlano con voi o in senato, nella maggior parte del discorso esaltano i propri antenati: ricordando le loro grandi imprese si reputano più illustri. Il che è il contrario. Quanto più infatti la vita di quelli è celebre, tanto più la viltà di questi è infame. E le cose stanno certo così: la fama degli antenati è, per così dire, luce per i posteri e non sopporta che le loro buone o cattive azioni rimangano nascoste. Io ammetto la mancanza di questo ( = di antenati illustri), Quiriti, ma, ciò che è molto più illustre, mi è possibile esporre ciò che io stesso ho fatto. Vedete ora quanto ingiusto sia chi è noto. Ciò che si arrogano in virtù del valore altrui a me non lo concedono per il mio, evidentemente perché non ho immagini e ho una nuova nobiltà. Non sono in grado di ostentare ritratti, trionfi o consolati dei miei antenati, ma, se la situazione lo richiede, lance, l’insegna, falere, altri doni militari, e inoltre cicatrici sul petto. Queste sono le mie effigi, questa la nobiltà, lasciate non in eredità come quelle a quelli, ma ciò che ho guadagnato grazie alla mie numerosissime fatiche e pericoli.

 

Analisi

invideo regge il dativo della cosa invidiata

cum ... faciunt temporale

memorando gerundio

praeclarior aggettivo di grado comparativo di maggioranza maschile singolare

quanto... tanto... proposizioni comparative esprimenti uguaglianza

flagitiosior comparativo di maggioranza maschile singolare

fateor deponente

licet verbo impersonale difettivo

videte imperativo seconda persona plurale

quam ... sint proposizione interrogativa indiretta

id quod nesso relativo

quia habeo causale

quia .. est causale

mihi nova nobilitas est dativo di possesso

possum verbo servile regge ostentare

si postulet protasi

ostentare regge anche hastas e gli altri accusativi a seguire

relicta participio sostantivato, sottinteso res quaero, accusativo della cosa chiesta o cercata e a o ab + ablativo della persona a cui si chiede una cosa. Quaero è chiedere per sapere