Versione del libro Maiorum Lingua C

Morte di Catone Uticense

Versione 295 pagina 255 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Quidni Catonem narrem ultima illa nocte Platonis librum legentem posito ad caput gladio? Duo haec in rebus extremis in strumenta…

Traduzione Italiana

Perché mai dovrei parlare di Catone, mentre leggeva l’ultima notte un’opera di Platone, con la spada osta sulla testa? Questi due mezzi aveva scorto nelle situazioni più avverse: una voler morire, l’altra poter morire. Sistemate dunque le cose, in qualsiasi modo si potesse sistemare una situazione ormai a pezzi e finita, pensò di dover far sì che nessuno potesse uccidere Catone o a cui potesse capitare di salvarlo. Sguainata la spada, che aveva conservata per quel giorno incontaminata da ogni strage, disse: “Non hai fatto nulla, o Fortuna, ostacolando tutti i miei tentativi. Ho combattuto non ancora per la mia libertà, ma per quella della patria; non agivo con tanta ostinazione come libero, ma per vivere tra i liberi; ora, poiché le vicende umane sono oggetto di pianti, Catone si metta al sicuro”. Impresse al corpo una ferita mortale; fasciata dai medici, non avendo più sangue e meno forze, in collera non solo con Cesare ma con se stesso, portò le mani sulla ferita e non esalò, ma scagliò fuori quella vita così nobile e spregiatrice di ogni potere.

 

Analisi

Quidni Catonem narrem, interrogativa  diretta semplice

Legentem participio congiunto

ultima illa nocte complemento di tempo

posito gladio ablativo assoluto

ut vellet mori finale

ut posset. Finale

Compositis ergo rebus, ablativo assoluto

id agendum oggettiva con valore di perifrastica passiva retta da existimavit

ne liceret finale negativa

aut servare contingeret finale coordinata alla precedente

stricto gladio ablativo assoluto

quem usque in illum diem ab omni caede purum servaverat relativa

obstando gerundio

omnibus conatibus meis ablativo assoluto

pro mea complemento di vantaggio

pro libertate complemento di vantaggio

ut liber, … viverem consecutiva

quoniam deploratae sunt res generis humani, causale

Quo obligato ablativo assoluto

Cum .. haberet narrativa

Iratus participio congiunto