Versione del libro Maiorum Lingua C

Nefasti prodigi e sacrifici espiatori

Versione 217 pagina 105 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Priusquam consules provincias sortirentur prodigia nuntiata sunt: lapidem in agro Crustumino in lucum Martis de caelo cecidisse; puerum trunci corporis…

Traduzione Italiana

Prima che i consoli avessero ottenuto in sorte le province, furono annunciati prodigi: una pietra cadde dal cielo nel territorio di Crustumerio, nel bosco di Marte; nel territorio di Roma nacque un bambino con il corpo mozzato, fu visto un serpente a quattro piedi, a Capua molti edifici nel foro furono colpiti dal cielo; a Pozzoli due navi furono incenerite colpite da un fulmine. Tra ciò che si riferiva un lupo, che si era trovato di giorno a Roma, entrato attraverso porta Collina, uscì dalla porta Esquilina con grande agitazione degli inseguitori. Per tali prodigi i consoli sacrificarono vittime più grandi e in tutti i templi ci fu una preghiera collettiva agli dei.

 

Analisi

Priusquam consules provincias sortirentur, temporale

lapidem in agro Crustumino in lucum Martis de caelo cecidisse; oggettiva con valore esplicativo sottinteso (cioè)

puerum trunci corporis in agro Romano natum (esse), oggettiva con valore esplicativo sottinteso (cioè)

et quadrupedem anguem visum (esse), coordinata alla precedente videor sembrare esser visto

Capuae genitivo locativo

In agro romano stato in luogo

in foro stato in luogo

multa aedifica tacta (esse);  coordinata alla precedente

Puteolis stato in luogo

Duas naves concrematas esse coordinata alla precedente

quae nuntiabantur, relativa

Romae genitivo locativo

Cum … intrasset (= intravisset), proposizione narrativa

per Esquilinam moto per luogo

causa complemento di causa