Versione del libro Maiorum Lingua C

Non si possono giudicare i costumi di altri sulla base dei propri

Versione 218 pagina 106 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

De hoc priusquam scribimus haec praecipienda videntur lectoribus ne alienos moresad suos referant neve ea quae ipsis leviora sunt pari…

Traduzione Italiana

Quanto a ciò che prima abbiamo scritto, ci sembra un necessario ammonimento ai lettori di non riportare i costumi degli altri ai propri, né di credere che ciò che ai loro occhi appare alquanto inconsistente sia stato uguale presso altri popoli. Sappiamo infatti che la musica in base alle nostre tradizioni è lontana dalla figura di un capo e che la danza è considerato un difetto: tutto ciò è ritenuto dai Greci degno di lode e gradimento. Se vogliamo esprimere le scene e l’abitudine di vita di Epaminonda, non ci sembra di dover tralasciare ciò che riguarda la loro messa in evidenza. Parleremo perciò della sua famiglia, infine in quali discipline e da chi fu istruito, poi dei suoi costumi e dei mezzi del suo carattere e, se vi sarà altro degno di essere ricordato, alla fine delle sue imprese, che da molti sono anteposte alle virtù dell’animo. Nato dunque da un padre, come abbiamo detto, di nobili origini, fu lasciato povero già dai suoi avi, ma istruito come nessuno fra i Tebani. Dionisio gli insegnò infatti a suonare la cetra e a cantare secondo l’accordo dei suoni; imparò a cantare con i flauti da Olimpiodoro, a danzare da Callifrone, ed ebbe come maestro di filosofia il Pitagorico Liside di Taranto.

 

Analisi

De hoc complemento di argomento

priusquam scribimus, temporale

haec praecipienda lectoribus soggettiva con valore di perifrastica passiva retta da videntur

ne alienos moresad suos referant, finale

neve ea  pari modo apud ceteros fuisse arbitrentur finale ea fuisse infinitiva oggettiva retta da arbitrentur

quae ipsis leviora sunt relativa

musicen … abesse oggettiva retta da scimus

poni infinito retto da scimus saltare infinito sostantivato retto da poni

laude digna dignus e indignus reggono l’ablativo

cum … velimus narrativa

nihil … debere praetermittere soggettiva retta da videmur 

quod pertineat relativa

ad eam declarandam finale

dicemus congiuntivo esortativo

de genere complemento d’argomento

a quibus sit eruditus, relativa

de morbus complemento d’argomento

de … facultatibus complemento d’argomento

si qua alia memori digna erunt ipotetico

digna regge memoria

de rebus gestis complemento d’argomento

quae a plurimis animi anteponuntur virtutibus. Relativa

quo diximus relativa

genere honesto complemento provenienza

relictus participio congiunto

sic ut nemo Thebanus magis consecutiva, sottinteso fuerit

citharizare et cantare infiniti come sostantivi di limitazione retti da doctus est

cantare saltare sottinteso doctus est

Pythagoreum complemento predicativo dell’oggetto