Versione del libro Maiorum Lingua C

Odio di Amilcare contro Roma

Versione 318 pagina 284 dal libro Maiorum Lingua C

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Hamilcar non solum hostes a muris Carthaginis removit sed etiam adeo eos compulit ut locorum angustiis clausi plures fame quam…

Traduzione Italiana

Amilcare non solo allontanò i nemici dalle mura di Cartagine, ma li scacciò anche a tal punto che, chiusi in luoghi angusti, morirono più di fame che con le armi. Compiuto ciò, con animo fiducioso e ostile ai Romani, al fine di trovare più facilmente una ragione per fare guerra, fece in modo di essere mandato come generale in Spagna con l’esercito e portò là con sé il figlio Annibale di nove anni. Amilcare, dopo avere attraversato il mare ed essere giunto in Spagna, compì grandi imprese grazie ad una sorte favorevole: sottomise i popoli più importanti e bellicosi, arricchì l’intera Africa di cavalli, armi, uomini, denaro. Costui, pensando di muovere guerra all’Italia, il nono anno dal suo arrivo in Spagna fu ucciso in battaglia mentre combatteva contro i Vettoni. Sembra che la seconda guerra punica soprattutto abbia stimolato in lui un odio perenne contro i Romani. Infatti suo figlio Annibale fu spinto dalle insistenti richieste paterne a preferire la morte anziché mettere alla prova i Romani.