Versione del libro Maiorum Lingua C

Ritratto di Cesare

Versione 215 pagina 104 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Caesar fuisse traditur excelsa statura nigris vegetisque oculis capite calvo; quam deformitatem aegre ferebat quod saepe obtrectantium iocis esset obnoxia.…

Traduzione Italiana

Si racconta che Cesare sia stato di elevata statura, con occhi neri e vivaci, calvo di testa, un difetto, questo, che mal sopportava, poiché spesso era oggetto di derisione dei suoi detrattori. Così, decretati per sé tutti gli onori da parte del senato e del popolo, niente altro ricevette o usò volentieri quanto il diritto di portare per sempre una corona d’alloro. Nemmeno i suoi avversari negarono che egli bevesse pochissimo il vino; da ciò Catone Uticense era solito dire che il solo Cesare, tra tutti coloro che avevano tentato di sovvertire la forma dello stato, era sobrio. Fu assai esperti di armi e cavalleria, sopportava le fatiche ben oltre le attese. In campo qualche volta andava avanti a cavallo, ma più spesso a piedi, con il capo coperto, sia che ci fosse sole o pioggia. Compì lunghissimi viaggi con incredibile rapidità, a tal punto che più volte precedeva le notizie che lo riguardavano. Non lo fermavano i fiumi, che attraversava a nuoto o appoggiato su otri gonfi.

 

Analisi

Caesar fuisse excelsa statura, soggettiva retta da traditur

excelsa statura complemento di qualità

nigris vegetisque oculis, complemento di qualità

capite calvo; complemento di qualità

quod saepe obtrectantium iocis esset obnoxia.  Causale

ex omnibus honoribus decretis partitivo

libentius comparativo dell’avverbio

quam ius laureae perpetuo gestandae. Complemento di paragone

gestandae ius gerundivo

Eum vini parcissimum fuisse oggettiva retta da negaverunt

Dicere infinito retto da solebat

unum Caesarem, ….  sobrium fuisse.  Oggettiva retta da dicere

ex omnibus qui rem publicam evertere conati essent relativa

conati essent deponente

peritissimus superlativo assoluto

equitandi gerundio

patiens participio aggettivale

saepius comparativo dell’avverbio

capite detecto ablativo assoluto

incredibili celeritate complemento di modo

(adeo) ut persaepe nuntios de se praevenerit. Consecutiva

quae nando vel inflatis utribus innixus traiciebat. Relativa

nando gerundio