Versione del libro Maiorum Lingua C

Stratagemma di Titurio Sabino

Versione 285 pagina 239 dal libro Maiorum Lingua C.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Quintus Titurius Sabinus cum iis copiis quas a Caesare acceperat in fines Venellorum pervenit. His praeerat Viridovix ac summam imperii…

Traduzione Italiana

Quinto Titurio Sabino, insieme alle truppe che aveva ricevuto da Cesare, giunse nel territorio dei Venelli. Il loro capo era Viridovige e aveva il potere supremo su tutte quelle tribù che erano venute meno, grazie alle quali aveva predisposto un esercito e aveva raccolto ingenti truppe; e in pochi giorni gli Aulerci e gli Eburovici, uccisi i loro capi, poiché non volevano provocare una guerra, si unirono a Viridovige; una grande folla inoltre di uomini e briganti disperati si era riunita da ogni parte della Gallia, uomini che la speranza di fare bottino e il desiderio di andare in guerra richiamava dall’agricoltura e dalla fatica quotidiana. Sabino rimaneva in un luogo adatto all’accampamento; quando Viridovige si accampò contro di lui nello spazio di due miglia e, mostrate le truppe, creava ogni giorno le possibilità di combattere, così che non solo i nemici ma anche i nostri soldati disprezzavano Sabino; fece pensare così tanto che da loro regnasse la paura che i nemici osavano avvicinarsi alla palizzata dell’accampamento romano. Allora Sabino ordinò di fare irruzione da due porte e accadde che con l’inesperienza dei nemici e il valore dei romani subito i nemici volgessero le spalle.

 

Analisi

Quas … acceperat relativa

Quae defecerant relativa

principibus suis interfectis ablativo assoluto

quod … nolebant causale

quos revocabat  relativa

bellandi gerundio caso genitivo

cum … consedisset narrativa

productis copiis ablativo assoluto

pugnandi gerundio

cum faceret narrativa coordinata alla precedente

ut non solum … veniret consecutiva  ut … accedere auderent consecutiva

ut … verterent completiva