Versione del libro Nova Officina

Il dio Tevere appare in sogno ad Enea

Traduzione della versione di latino dal libro "Nova Officina "

Testo Originale Latino

Nox erat et per omnes terras animalia fessaalites et pecudasopor altus tenebatcum pater Aeneastristi bello turbatusin ripa Tiberis sub gelido…

Traduzione Italiana

Era notte e per tutta la terra (letteralmente è plurale) un sonno profondo prendeva gli animali stanchi, gli uccelli, le greggi, allorché il padre Enea, sconvolto per la sfortunata guerra, si gettò sotto un gelido cielo sulla riva del Tevere per dare riposo alle stanche membra. Gli apparve tra le fronde di pioppo il dio Tiberino: era velato di un lino leggero ed i suoi capelli erano coperti da un’ombrosa canna. Allora disse così: “O figlio della dea Venere, che dall’Asia qui trasporti la città di *****, qui sarà per te la nuova sede! Ti ammonisco a non allontanarti e a non temere i pericoli della guerra. Troverai una grande scrofa bianca sotto i lecci della spiaggia, sdraiata a terra che allatta i suoi trenta, bianchi cuccioli. Dopo trent’anni lì il tuo Ascanio fonderà una città e la chiamerà Alba. Io sono il biondo Tevere, fiume che gli dei amano. Qui è la mia grande casa, donde verrà la civiltà romana”