Versione del libro Nova Officina

Il regno di Tarquinio Prisco

Traduzione della versione di latino dal libro "Nova Officina "

Testo Originale Latino

Tarquinius Priscus vir insignis et dives ex Etruria Romam venit regem Ancum Mmartium occidit et regnum vi occupavit. In urbe…

Traduzione Italiana

Tarquinio Prisco, uomo ricco e insigne, venne dall'etruria a roma, uccise il re Anco Marzio e occupò con la forza il regno. In città duplicò il numero dei senatori, costruì il circo massimo presso il tevere, celebrò nel circo solenni giochi romani. Fece una guerra atroce con i latini e i popoli confinanti: la vittoria fu incerta, poichè nè i romani nè i latini furono completamente vincitori. Superò il feroce popolo dei sabini con una violenta battaglia e per primo entrò a roma con un insigne trionfo. Costruì ingenti mura intorno alla città e portò attraverso le cloache l'acqua paludosa tra i colli e il fiume tevere. Costruì il foro tra il campidoglio e il palatino, introdusse a roma dall'etruria, sua patria, i fasci littori. I littori portavano le fasce, segno dell'impero quando procedevano davanti al re. Alla fine i figli di Anco Marzio, indignati per l'atroce uccisione del padre, prepararono insidie a Tarquinio e uccisero il re.