Versione del libro Nova Officina

Le giornate e le sere nella fattoria

Traduzione della versione di latino dal libro "Nova Officina "

Testo Originale Latino

Apud densam silvam magna villa posita est et circa villam casae rusticae sunt. Ibi agricolae cum filiis et filiabus habitant.…

Traduzione Italiana

Presso il denso bosco è posta una grande villa e intorno alla villa vi sono case rustiche. Qui abitano i contadini con i figli e le figlie. Le case dei contadini sono piccole ma pulite e graziose, poichè le finestre e le porte sono ornate di rose ed edera e così agli abitanti è procurata gioia. Nelle ville le ore diurne sono operose: dai contadini è arata la terra, sono curate le vigne, sono pascolate le capre e gli agnelli, è condotta dalle fosse alla terra l'acqua. Per la solerte opera dei contadini sono generati olivi, uva e abbondanza di castagneti e fave. Nelle aree delle ville spesso vengono allevate dalle donne dei contadini le galline e le colombe. Nè meno operose erano anticamente le ore notturne. Quando infatti intorno alla villa vi erano le scure tenebre, le case erano illuminate da lanterne: allora dalle donne era trattata la lana e dai contadini erano curate le faccende rustiche. Intanto la villa, le case, le aree, i boschi erano avvolti dalle tenebre: tacevano le fiere, non fischiavano i merli, nè cantavano le allodole e gli usignoli. Solo l'impertinente nottola strideva nelle ombre della vicina selva e tollerava l'infausta lamentela. Tuttavia le minacce delle nottole non preoccupavano gli abitanti nelle sicure case.