Versione del libro Varie

Una madre celebre

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Cornelia Scipionis Africani qui Hannibale apud Zamam profligato Carthaginiensium potentiam prostravit filia fuit et Sempronio Graccho viro antiqua severitate et…

Traduzione Italiana

Cornelia fu figlia di Scipione l'Africano, che vinto Annibale presso Zama (prostravit) la potenza dei Cartaginesi e fu moglie di Sempronio Gracco, uomo di antica severità e di grande interesse verso la plebe. Dopo l'immatura morte del coniuge, dal quale (ebbe) una figlia e due figli. Lei educò in grembo i figli Tiberio e Gracco, che gli aveva lasciato, ornò le loro menti a tutte le discipline liberali e gli animi alle massime virtù. Avendo a quella la matrona Campana mostrato i braccialetti e le gemme e i suoi ornamenti, Cornelia presentò i figli alla gloriosa donna e : Queste cose - disse - sono i miei ornamenti" Tuttavia si mostrò con eccessiva superbia e durezza. Infatti eccitò l'ambizione dei figli e dopo la morte luttuosa (eotum), diceva tranquillamente e senza lacrime:" Offrirono loro stessi e la loro vita per la felicità della plebe".