Versione del libro Varie

Annibale costretto all'esilio

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Cum Publius Scipio ex Siciliae portubus navigans in Africam venisset Poeni de sua salute timentes Hannibalem ex Italia in patria…

Traduzione Italiana

P. Scipione, navigando dai porti di sicilia, venendo in africa, i cartaginesi, temendo la loro salvezza, richiamarono in patria dell'italia Annibale. Allora Annibale capì che le opere dei cartaginesi erano (exhaustas). Non sperando in alcun aiuto dai popoli confinanti, poichè da tutti era odiato il nome di cartagine, decise di fare pace con i romani sperando (ostea se) con più valenti opere potesse rinnovare la guerra. Ma essendo venuto a colloquio con Scipione, non giunsero alle condizioni di pace. Dopo pochi giorni che questo accadde, presso zama entrambi gli eserciti lottarono. Dopo questa sconfitta, cacciato dai romani, Annibale giunse ad Adrumento città posta sulla costa, da qui navigò verso creta e alla fine trovò salvezza da Antioco re di siria in asia. In nessun modo infatti voleva cadere nel potere dei romani.