Versione del libro Varie

Come dobbiamo comportarci nel condurre la guerra

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

In omnibus proeliis et expeditionibus ea condicio est ut quod tibi prodest adversario noceat quod contra illum iuvat tibi semper…

Traduzione Italiana

In tutti gli scontri e spedizioni vi è una condizione che, ciò che giova a te, nuoce all'avversario, al contrario ciò che giova a quello, sempre a te (officio). Mai dunque dobbiamo fare qualcosa all'arbitrio dell'avversario o mai dobbiamo fingere, ma giudichiamo di fare solo quello che ci è utile. Al contrario se qualcuno inizia a fare, se imita ciò che il nemico fa per lui, e di nuovo qualcuno farà per lui qualcosa, sarà contro l'avversario se quello ha voluto imitarlo. O con la mancanza o con una nuova cosa o con il terrore è meglio domare il nemico nel combattimento nel quale la fortuna è solita avere potere più ampio della virtù. E non vi sono piani migliori di quello che l'avversario ha ignorato prima che tu li metta in pratica. E' meglio dopo lo scontro conservare nei propri presidi il soldato piuttosto che spargere più largamente le truppe. E' difficile che vinca quello che può giudicare le sue truppe e quelle dell'avversario.