Versione del libro Varie

Coriolano

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Romani gaium marcium coriolanum cognominaveruntquia aspero proelio coriolosvolscorum oppidumexpugnaverat.Sed romaniquoniam plebeis ob superbiam suam invisus eratcoriolanum in exilium pepulerunt;ille romam…

Traduzione Italiana

I romani soprannominarono G. M. Coriolano poichè aveva espugnato con un difficile scontro a Corioli, città dei volsci. Ma i romani, poichè i plebei per la sua superbia era odiato, cacciarono Coriolano in esilio, quello lasciò a roma e si rifugiò presso i volsci. Allora Coriolano fece una guerra feroce e lunga con le truppe dei volsci contro i romani, spesso li vinse e mise in fuga, alla fine assediò anche roma. Inutilmente i romani gli mandano ambasciatori e gli chiedono attraverso questo grazia. Già i romani mancavano nell'animo quando la madre Vetura e la moglie Volumnia che erano giunti all'accampamento dei volsci commossero il suo animo con molte lacrime. Coriolano smise di assediare roma e si allontanò da roma, ma venne in odio ai volsci che lo uccisero.