Versione del libro Varie

L'amara fine di Annibale

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Legati PrusiaeBithyniae regisRomae sub vesperum apud Quintium Flaminium cenabantcum eorum quidamHannibalem memoransillum in Bithynia clam vivere confirmavit. Re in senatu…

Traduzione Italiana

I luogotenenti di Prussia, del re di Bitinia, verso sera cenavano a roma presso Flaminio, quando uno di loro, ricordando Annibale, confermò che quello viveva in bitinia di nascosto. Riportata la cosa in senato, subito i senatori decisero che gli ambasciatori andassero in bitinia e ordinassero che Annibale si consegnasse. Certamente i senatori sapevano per certo che Annibale vivo, lo stato era in pericolo. Il re dunque Prusia, per obbedire ai senatori romani, non esitò a consegnare l'ospite e mostrò agli ambasciatori il luogo in cui Annibale si nascondeva. Il giorno dopo allora gli ambasciatori con una grande moltitudine di armati circondarono da ogni parte la rocca nella quale il comandante dei cartaginesi era, a cui non vi era alcuna speranza di sopravvivere. Conosciuto il tradimento, Annibale venne colpito da grande tristezza e, non volendo consegnarsi ai romani vivo, si diede la morte con il veleno che erano solito portare con lui.