Versione del libro Varie

Le stagioni

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Quattuor sunt anni tempora ( = stagioni): ver aestas autumnus et hiems. Gratissimum anni tempus sine dubio ver est: vere…

Traduzione Italiana

Quattro sono le stagioni: primavera, estate, autunno e inverno. La stagione più piacevole è certamente la primavera: in primavera infatti il clima è assai mite e i prati sono rigogliosi di bellissimi fiori. I venti soffiano fortemente, ma sono meno gelidi che in inverno, così la primavera è assai salubre, più salubre rispetto alle altre stagioni, e assai adatta per i viaggi e le navigazioni. In estate il caldo del sole incendia l'aria, maturano nei campi e negli orti frutti assai gustosi, ma spesso il caldo è intollerabile. Più mite e piacevole è l'autunno: infatti il sole è meno caldo che in estate, i giorni sono più brevi delle notti, e gli alberi pieni di frutti: L'inverno è la stagione più ingrata. Infatti in inverno il freddo è forte, assai copiose nevi coprono le terre e i flutti battono contro lidi deserti. Inoltre i giorni sono assai brevi, i venti soffiano fortemente, più fortemente dell'autunno e della primavera. Anche in inverno le ore sono assai piacevoli, quando riposiamo dalle fatiche e (sorbillimus) seduti presso il fuoco con i familiari e i più cari amici i vini d'annata.