Versione del libro Varie

Numa Pompilio dà vita alle più antiche istituzioni religiose

Traduzione della versione di latino dal libro "Varie"

Testo Originale Latino

Numa ferocem populum Romanorum armorum desuetudine mitigavit. Ianum indicem pacis bellique fecit:templum apertum significabat bellum clausum pacem. Numa flaminem Iovi…

Traduzione Italiana

Numa mitigò il feroce popolo dei romani con la (desuetudine) delle armi. Rese Giano giudice della pace e della guerra: il tempio aperto significava guerra, chiuso pace. Numa creò il flamine di Giove sacerdote assiduo, e lo adornò di insigne veste. A questo aggiunse due flamini, uno a Marte, l'altro a Quirino, e scelse le vergini Vestali. Le vestali erano custodi assidue del tempio. Scelse anche per Marte Gradivo dei (salinos) e gli diede tuniche dipinte in modo insigne e sopra la tunica un mantello (eaneum) e armi (caelestia). Poi scelse tra i senatori il pontefice Numa Marco, figlio di Marco e attribuì al pontefice tutte le cose sacre. Convertì i romani dalla violenza e dalle armi alle cosa sacre, riempì tutti i cuori di pietà. A Giove Elicio dedicò un altare sull'aventino e consultò il dio con gli auguri.