Versione di Virgilio

Libro 1, vv. 657-694

Traduzione della Versione "Libro 1, vv. 657-694" di Virgilio

Testo Originale Latino

At Cytherea novas artis, nova pectore versat consilia, ut faciem mutatus et ora Cupido pro dulci Ascanio veniat, donisque furentem incendat reginam atque ossibus implicet ignem. quippe domum timet ambiguam Tyriosque bilinguis; urit atrox Iuno et sub noctem cura recursat. ergo his aligerum dictis adfatur Amorem: Nate, meae vires, mea magna potentia solus,nate, patris summi qui tela typhoea temnis,ad te confugio et supplex tua numina posco. frater ut Aeneas pelago tuus omnia circum litora iactetur odiis Iunonis acerbae, nota tibi, et nostro doluisti saepe dolore. nunc Phoenissa tenet Dido blandisque moratur vocibus, et vereor quo se Iunonia vertant hospitia: haud tanto cessabit cardine rerum. quocirca capere ante dolis et cingere flamma reginam meditor, ne quo se numine mutet, sed magno Aeneae mecum teneatur amore. qua facere id possis nostram nunc accipe mentem: regius accitu cari genitoris ad urbem Sidoniam puer ire parat, mea maxima cura, dona ferens pelago et flammis restantia Troiae; hunc ego sopitum somno super alta Cythera aut super Idalium sacrata sede recondam, ne qua scire dolos mediusve occurrere possit. tu faciem illius noctem non amplius unam falle dolo et notos pueri puer indue vultus, ut, cum te gremio accipiet laetissima Dido regalis inter mensas laticemque Lyaeum, cum dabit amplexus atque oscula dulcia figet, occultum inspires ignem fallasque veneno.' paret Amor dictis carae genetricis, et alas exuit et gressu gaudens incedit Iuli. at Venus Ascanio placidam per membra quietem inrigat, et fotum gremio dea tollit in altos Idaliae lucos, ubi mollis amaracus illum floribus et dulci aspirans complectitur umbra.

Traduzione Italiana

Ma Citerea medita in cuore nuovi artifici, nuovipiani, perchè Cupido cambiato l’aspetto ed il voltovenga al posto del dolce Ascanio, e con doni accendala furente regina ed avvolga il fuoco alle ossa.Certamente teme la casa ambigua ed i Tirii falsi;brucia la crudele Giunone e la pena ritorna di notte.Perciò con queste parole parla ad Amore alato:“Figlio, mie forze, unico, mia grande potenza,figlio, che sprezzi le armi tifee del sommo padre,mi rifugio in te e supplice chiedo le tue volontà.Come tuo fratello Enea sia sbattuto in mare per tuttii lidi per gli odi della feroce Giunone,ti sono cose note, e spesso ti dolesti del nostro dolore.Ora la fenicia Didone lo tiene e lo ferma con blandeparoce e temo dove si volgano le ospitalitàgiononie: non cesserà in un momento così importante.Perciò penso di prendere prima con inganni e legare con fiamma la regina, che non si cambi per qualche divinità, ma sia bloccata con me dal grande amore d’Enea. Come tu possa far ciò senti ora il nostro piano:il regale fanciullo, mio grandissimo amore, si prepara ad andare su chiamatadel caro genitore nella città sidoniaportando doni restanti dal mare e dalle fiamme di Troia;io lo nasconderò assopito sugli alta Citerao su Idalio in luogo condacrato, che nessuno possa sapere gli inganni o accorrere in mezzo.Tu inganna il suo aspetto, per non più d’una nottecon un raggiro e da ragazzo vesti le note fattezza del ragazzo, perchè, quando la felicissima Didone tiprenderà in braccio tra le mense regali e il liquido lieo,quando darà abbracci e stamperà dolci baci,tu ispiri il fuoco occulto e l’inganni col veleno”.Amore obbedisce ai detti della cara madre, e svestele ali gioendo avanza col passo di Iulo.Ma Venere infonde ad Ascanio un placido sonnoper le membra, e scaldato in grembo la dea lo alzanegli alti boschi di Idalia, dove il molle amaracoesalante lo abbraccia di fiori e dolce ombra.