Versione di Virgilio

Libro 1, vv. 723-756

Traduzione della Versione "Libro 1, vv. 723-756" di Virgilio

Testo Originale Latino

Postquam prima quies epulis mensaeque remotae, crateras magnos statuunt et vina coronant. fit strepitus tectis vocemque per ampla volutant atria; dependent lychni laquearibus aureis incensi et noctem flammis funalia vincunt. hic regina gravem gemmis auroque poposcit implevitque mero pateram, quam Belus et omnes a Belo soliti; tum facta silentia tectis: 'Iuppiter, hospitibus nam te dare iura loquuntur, hunc laetum Tyriisque diem Troiaque profectis esse velis, nostrosque huius meminisse minores. adsit laetitiae Bacchus dator et bona Iuno; et vos o coetum, Tyrii, celebrate faventes.' dixit et in mensam laticum libavit honorem primaque, libato, summo tenus attigit ore; tum Bitiae dedit increpitans; ille impiger hausit spumantem pateram et pleno se proluit auro; post alii proceres. cithara crinitus Iopas personat aurata, docuit quem maximus Atlas. hic canit errantem lunam solisque labores, unde hominum genus et pecudes, unde imber et ignes, Arcturum pluviasque Hyadas geminosque Triones, quid tantum Oceano properent se tingere soles hiberni, vel quae tardis mora noctibus obstet; ingeminant plausu Tyrii, Troesque sequuntur. nec non et vario noctem sermone trahebat infelix Dido longumque bibebat amorem multa super Priamo rogitans, super Hectore multa; nunc quibus Aurorae venisset filius armis, nunc quales Diomedis equi, nunc quantus Achilles. 'immo age et a prima dic, hospes, origine nobis insidias' inquit 'Danaum casusque tuorum erroresque tuos; nam te iam septima portat omnibus errantem terris et fluctibus aestas.'

Traduzione Italiana

Dopo che (ci fu) una prima pausa al banchetto e le mense tolte, mettono grandi vasi e coronano i vini. Si fa frastuono nelle case e fan echeggiare il suono per gli ampi Atrii; pendono lampade accese dai soffitti dorati e le torce vincono la notte. Qui la regina chiese un vaso pesante d’oro e di gemme e lo riempì di vino puro, Belo e tutti (quelli) da Belo erano soliti riempirla; allora si fece silenzio in casa: “ Giove, dicono che tu dai i diritti agli ospiti, fa’ essere questo un giorno lieto per i Tirii e per i giunti da Troia, e ricordarne i nostri nipoti. Assista Bacco datore di gioia e la buona Giunone; e voi, Tirii, celebrate l’incontro festanti”. Disse e libò sulla mensa la gloria dei liquidi e per prima, libato, toccò a fior di labbra; poi diede a Bizia incitandolo; egli sollecito bevve la coppa spumante e tracannò col boccale aureo pieno; poi gli altri nobili. Il chiomato Iopa con la cetra dorata suona, e lo istruì il sommo Atlante. Costui canta la luna errante e le fatiche del sole, donde la specie degli uomini e le bestie, donde pioggia e fulmini, Arturo e le Iadi piovose ed i gemelli Trioni, perché i soli invernali tanto s’affrettino a bagnarsi d’Oceano, o quale ritardo s0opponga alle lente notti;i Tirii raddoppiano con l’applauso, li seguono i Troiani. ed ancora l’infelice Didone protraeva la notte con vario parlare e beveva il lungo amore, molto chiedendo su Priamo, su Ettore molto; ora con che armi fosse giunto il figlio d’Aurora, ora quali i cavalli di Diomede, or quanto grande Achille. “Anzi orsù, ospite, e dicci dal primo inizio le insidie” disse” dei Danai e le sorti dei tuoi ed il tuo errare; infatti ormai la settima estate ti porta errante per tutte le terre ed i flutti”.