Versione di Virgilio

Libro 2, vv. 57-194

Traduzione della Versione "Libro 2, vv. 57-194" di Virgilio

Testo Originale Latino

Ecce, manus iuvenem interea post terga revinctum pastores magno ad regem clamore trahebant Dardanidae, qui se ignotum venientibus ultro, hoc ipsum ut strueret Troiamque aperiret Achivis, obtulerat, fidens animi atque in utrumque paratus, seu versare dolos seu certae occumbere morti. undique visendi studioTroiana iuventus circumfusa ruit certantque inludere capto. accipe nunc Danaum insidias et crimine ab uno disce omnis. namque ut conspectu in medio turbatus, inermis constitit atque oculis Phrygia agmina circumspexit, spon 'heu, quae nunc tellus,' inquit, 'quae me aequora possunt accipere? aut quid iam misero mihi denique restat, cui neque apud Danaos usquam locus, et super ipsi Dardanidae infensi poenas cum sanguine poscunt?' quo gemitu conversi animi compressus et omnis impetus. hortamur fari quo sanguine cretus, quidve ferat; memoret quae sit fiducia capto. 'Cuncta equidem tibi, rex, fuerit quodcumque, fatebor vera,' inquit; 'neque me Argolica de gente negabo. hoc primum; nec, si miserum Fortuna Sinonem finxit, vanum etiam mendacemque improba finget. fando aliquod si forte tuas pervenit ad auris Belidae nomen Palamedis et incluta fama gloria, quem falsa sub proditione Pelasgi insontem infando indicio, quia bella vetabat, demisere neci, nunc cassum lumine lugent: illi me comitem et consanguinitate propinquum pauper in arma pater primis huc misit ab annis. dum stabat regno incolumis regumque vigebat conciliis, et nos aliquod nomenque decusque gessimus. invidia postquam pellacis Ulixi haud ignota loquor superis concessit ab oris, adflictus vitam in tenebris luctuque trahebam et casum insontis mecum indignabar amici. nec tacui demens et me, fors si qua tulisset, si patrios umquam remeassem victor ad Argos, promisi ultorem et verbis odia aspera movi. hinc mihi prima mali labes, hinc semper Ulixes criminibus terrere novis, hinc spargere voces in vulgum ambiguas et quaerere conscius arma. nec requievit enim, donec Calchante ministro - sed quid ego haec autem nequiquam ingrata revolvo, quidve moror? si omnis uno ordine habetis Achivos, idque audire sat est, iamdudum sumite poenas: hoc Ithacus velit et magno mercentur Atridae.' Tum vero ardemus scitari et quaerere causas, ignari scelerum tantorum artisque Pelasgae. prosequitur pavitans et ficto pectore fatur: 'Saepe fugam Danai Troia cupiere relicta moliri et longo fessi discedere bello; fecissentque utinam. saepe illos aspera ponti interclusit hiems et terruit Auster euntis. praecipue cum iam hic trabibus contextus acernis staret equus, toto sonuerunt aethere nimbi. suspensi Eurypylum scitatum oracula Phoebi mittimus, isque adytis haec tristia dicta reportat: "sanguine placastis ventos et virgine caesa, cum primum Iliacas, Danai, venistis ad oras; sanguine quaerendi reditus animaque litandum Argolica." vulgi quae vox ut venit ad auris, obstipuere animi gelidusque per ima cucurrit ossa tremor, cui fata parent, quem poscat Apollo. hic Ithacus vatem magno Calchanta tumultu protrahit in medios; quae sint ea numina divum flagitat. et mihi iam multi crudele canebant artificis scelus, et taciti ventura videbant. bis quinos silet ille dies tectusque recusat prodere voce sua quemquam aut opponere morti. vix tandem, magnis Ithaci clamoribus actus, composito rumpit vocem et me destinat arae. adsensere omnes et, quae sibi quisque timebat, unius in miseri exitium conversa tulere. iamque dies infanda aderat; mihi sacra parari et salsae fruges et circum tempora vittae. eripui, fateor, leto me et vincula rupi, limosoque lacu per noctem obscurus in ulva delitui dum vela darent, si forte dedissent. nec mihi iam patriam antiquam spes ulla videndi nec dulcis natos exoptatumque parentem, quos illi fors et poenas ob nostra reposcent effugia, et culpam hanc miserorum morte piabunt. quod te per superos et conscia numina veri, per si qua est quae restet adhuc mortalibus usquam intemerata fides, oro, miserere laborum tantorum, miserere animi non digna ferentis.' His lacrimis vitam damus et miserescimus ultro. ipse viro primus manicas atque arta levari vincla iubet Priamus dictisque ita fatur amicis: 'quisquis es, amissos hinc iam obliviscere Graios noster eris mihique haec edissere vera roganti: quo molem hanc immanis equi statuere? quis auctor? quidve petunt? quae religio? aut quae machina belli?' dixerat. ille dolis instructus et arte Pelasga sustulit exutas vinclis ad sidera palmas: 'vos, aeterni ignes, et non violabile vestrum testor numen,' ait, 'vos arae ensesque nefandi, quos fugi, vittaeque deum, quas hostia gessi: fas mihi Graiorum sacrata resolvere iura, fas odisse viros atque omnia ferre sub auras, si qua tegunt, teneor patriae nec legibus ullis. tu modo promissis maneas servataque serves Troia fidem, si vera feram, si magna rependam. omnis spes Danaum et coepti fiducia belli Palladis auxiliis semper stetit. impius ex quo Tydides sed enim scelerumque inventor Ulixes, fatale adgressi sacrato avellere templo Palladium caesis summae custodibus arcis, corripuere sacram effigiem manibusque cruentis virgineas ausi divae contingere vittas, ex illo fluere ac retro sublapsa referri spes Danaum, fractae vires, aversa deae mens. nec dubiis ea signa dedit Tritonia monstris. vix positum castris simulacrum: arsere coruscae luminibus flammae arrectis, salsusque per artus sudor iit, terque ipsa solo mirabile dictu emicuit parmamque ferens hastamque trementem. extemplo temptanda fuga canit aequora Calchas, nec posse Argolicis exscindi Pergama telis omina ni repetant Argis numenque reducant quod pelago et curvis secum avexere carinis. et nunc quod patrias vento petiere Mycenas, arma deosque parant comites pelagoque remenso improvisi aderunt; ita digerit omina Calchas. hanc pro Palladio moniti, pro numine laeso effigiem statuere, nefas quae triste piaret. hanc tamen immensam Calchas attollere molem roboribus textis caeloque educere iussit, ne recipi portis aut duci in moenia posset, neu populum antiqua sub religione tueri. nam si vestra manus violasset dona Minervae, tum magnum exitium quod di prius omen in ipsum convertant. Priami imperio Phrygibusque futurum; sin manibus vestris vestram ascendisset in urbem, polipt ultro Asiam magno Pelopea ad moenia bello venturam, et nostros ea fata manere nepotes.'

Traduzione Italiana

Ecco frattanto i pastori dardanidi trascinavano, legato le mani alla schiena, un giovane davanti al re con gran chiasso, che s’era offerto sconosciuto volontariamente a loro che passavano, per ordire proprio questo e aprire Troia agli Achei, sicuro di spirito e preparato ad entrambi i casi, sia a tentare gli imbrogli sia ad affrontare morte sicura. Da ogni parte per la voglia di vedere la gioventù troiana sparsa attorno corre e gareggiano a schernire il catturato. Senti ora le insidie dei Danai e da un misfatto solo conoscili tutti. Infatti come si fermò in mezzo alle occhiate turbato, inerme e con gli occhi vide attorno le schiere Frige, “Ahi, disse, che terra ora, quali mari possono accettarmi? o cosa mai resta più a me misero, cui mai neppure un posto presso i Danai, ed in più gli stessi Dardanidi ostili chiedono castighi col sangue?” A quel gemito gli animi mutarono ed ogni attacco si bloccò. Esortiamo a dire da quale sangue nato, o che porti; ricordi che fiducia abbia il catturato. “Tutto davvero, o re, qualunque sia stato, confesserò il vero, disse, né dirò che non sono di razza Argolica. Questo anzitutto; né se la Fortuna ha reso Misero Sinone, la malvagia non lo renderà falso e bugiardo. Se per caso parlando giunse alle tue orecchie qualche notizia del Belide Palamede e l’illustre gloria per fama, che i Pelasgi sotto falsa accusa con processo sacrilego mandarono a morte innocente, perché ostacolava le guerre, ora lo piangono, privato della luce: per lui il padre povero mandò me, come compagno ed affine per parentela in armi qui dai primi anni. Finché stava al potere incolume ed aveva prestigio nelle sedute dei re, anche noi godemmo sia qualche fama Cheonore. Dopo che per l’invidia dell’astuto Ulisse, non dico cose sconosciute, sparì dalle spiagge terrene, afflitto trascinavo la vita nelle ombre e nel pianto e tra me sdegnavo la morte dell’amico innocente. Né tacqui, pazzo, e mi garantii, se una sorte avesse permesso, se mai vincitore fossi tornato alla patria Argo, vendicatore e con le parole smossi duri rancori. Di qui per me il primo passo del male, di qui sempre Ulisse ad atterrirmi con nuove accuse, di qui a spargere frasi ambigue tra il volgo e cercare, consapevole, le armi. E difatti non riposò, finché, intermediario Calcante.. Ma perché io mai rimugino invano cose spiacevoli, o perché indugio? se considerate gli Achivi tutti allo stesso modo, anche sentir ciò basta, suvvia fate vendetta: questo vorrebbe l’Itaco e caro lo pagherebbero gli Atridi” Allora proprio vogliamo sapere e chiedere i motivi, ignari di sì grandi misfatti e dell’arte pelasga.Prosegue tremando e dice con cuore falso: “Spesso i Danai desiderarono tentare la fuga, lasciata Troia, e stanchi ritirarsi dalla lunga guerra; magari l’avessero fatto. Spesso li ostacolò l’aspra burrasca del mare ed Austro atterrì i partenti. Soprattutto quando questo cavallo composto di travi d’acero s’ergeva, per tutto l’etere i nembi risuonarono. Perplessi inviamo Euripilo ad interrogare gli oracoli di Febo, ed egli riporta dai luoghi segreti queste tristi parole: “Col sangue placaste i venti e con una ragazza sacrificata, quando all’inizio,o Danai, giungeste alle spiagge iliache; occorre cercare i ritorni col sangue e sacrificare con una vita Argolica.” Come quella frase venne alle orecchie del volgo, i cuori stupirono ed un gelido tremore corse nel fondo delle ossa, a chi accennino i fati, chi richieda Apollo. Allora l’Itaco trascina in mezzo il vate Calcante con grande tumulto; richiede quali siano quelle volontà degli dei. E molti ormai mi predicevano il crudele misfatto del furfante, e taciti prevedevano i fatti venturi. Egli tace per ben dieci giorni e nascosto rifiuta di tradire qualcuno con la sua voce o esporlo alla morte. Finalmente a stento, spinto dalle grandi grida dell’Itaco, secondo l’accordo, tronca gli indugi e mi destina all’altare. Concordarono tutti e quel che ciascuno temeva, ridotto alla morte di uno solo, lo sopportarono . Ed ormai si presentava il giorno esecrando; mi si preparavano i riti sacri ed i frutti salati e le bende attorno alle tempia. Mi sottrassi, confesso, alla morte e ruppi le catene, e nascosto nel limaccioso stagno tra l’erba m’appiattai, finché partissero, se mai fossero partiti. Né per me più alcuna speranza di veder l’antica patria né i dolci figli ed il bramato padre, ad essi forse essi chiederanno vendette per le nostre fughe ed espieranno questa colpa colla morte dei miseri. Perciò ti prego per i celesti e le divinità conoscitori del vero, per se mai esiste, che resista ancora per i mortali, la intemerata fede, abbi pietà di sì grandi affanni, abbi pietà d’un cuore che sopporta cose non degne. Per queste lacrime concediamo la vita ed inoltre commiseriamo. Lo stesso Priamo per primo ordina che si levino le manette e le strette catene e così parla con parole amiche: “Chiunque sia, dimentica ormai da ora i Grai perduti, sarai nostro ed a me che chiedo questo, racconta il vero: perché costruirono questa mole di immenso cavallo? chi l’autore? o cosa chiedono? quale voto? o quale macchina di guerra? Aveva detto. Lui, istruito dalle frodi e dall’arte Pelasga alzò al cielo le palme liberate dalle catene: “Voi, fuochi eterni, e la vostra non violabile maestà chiamo a testimonio,disse, voi altari e spade nefande, che rifuggii, e bende degli dei, che portai come vittima: mi è lecito sciogliere i sacri giuramenti dei Grai, lecito odiare gli uomini e portare tutto alla luce, se coprono qualcosa, non sono tenuto da alcuna legge di patria. Tu però mantieni alle promesse e tu, Troia salvata, salvami la lealtà, se riferisco il vero, se ricompenso alla grande. Ogni speranza dei Danai e la fiducia della guerra intrapresa stette sempre negli aiuti di Pallade. Ma da quando l’empio Tidide infatti e l’inventore di delitti Ulisse, avvicinatisi, osarono strappare dal tempio consacrato il fatale Palladio, uccise le guardie dell’altissima rocca, rubarono la sacra effigie e con mani cruente (osarono) toccare le bende virginee della dea, da allora svaniva e scaduta si ritirava indietro la speranza dei Danai, spezzate le forze, distolta la mente della dea. Né la Tritonia diede quei segnali con dubbiosi prodigi. Appena posato il simulacro nel campo: arsero lampeggianti fiamme, sbarrati gli occhi, e corse per le membra salato sudore, e tre volte essa balzò dal suolo, straordinario a dirsi, e reggendo lo scudo e la lancia tremante. Subito Calcante profetizza che occorre prender il mar con la fuga, né può Pergamo esser distrutta dalle armi Argoliche se non riprendano da Argo gli auspici e riconducano la divinità che per mare e con le curve carene hanno portato con sé. Ed ora poiché col vento si diressero alla patria Micene, e preparano armi e gli dei come compagni e si presenteranno improvvisi, ripassato il mare; così Calcante interpreta i prodigi. Ammoniti, costruirono questa effige al posto del Palladio, al posto della maesta lesa, che espiasse il triste sacrilegio. Calcante tuttavia ordinò di innalzare questa immensa mole, e di alzarla fino al cielo, collegate le travi, che non potesse esser accolta dalle porte e condotta dentro le mura, nè proteggere il popolo sotto l’antica protezione. Infatti se la vostra mano avesse violato i doni a Minerva, allora una grande rovina, ( che gli dei prima rivolgano contro lo stesso presagio) sarebbe accaduta per il potere di Priamo ed i Frigi se invece con le vostre mani fosse salita nella vostra città, l’Asia inoltre sarebbe giunta alle mura Pelopee con gran guerra e quei destini proteggerebbero i nostri nipoti”.