Versione di Virgilio

Libro 3, vv. 355-471

Traduzione della Versione "Libro 3, vv. 355-471" di Virgilio

Testo Originale Latino

Iamque dies alterque dies processit, et aurae vela vocant tumidoque inflatur carbasus Austro: his vatem adgredior dictis ac talia quaeso: 'Troiugena, interpres divum, qui numina Phoebi, qui tripodas Clarii et laurus, qui sidera sentis et volucrum linguas et praepetis omina pennae, fare age namque omnis cursum mihi prospera dixit religio, et cuncti suaserunt numine divi Italiam petere et terras temptare repostas; sola novum dictuque nefas Harpyia Celaeno prodigium canit et tristis denuntiat iras obscenamque famem, quae prima pericula vito? quidve sequens tantos possim superare labores?' hic Helenus caesis primum de more iuvencis exorat pacem divum vittasque resolvit sacrati capitis, meque ad tua limina, Phoebe, ipse manu multo suspensum numine ducit, atque haec deinde canit divino ex ore sacerdos: 'Nate dea nam te maioribus ire per altum auspiciis manifesta fides; sic fata deum rex sortitur volvitque ices, is vertitur ordo, pauca tibi e multis, quo tutior hospita lustres aequora et Ausonio possis considere portu, expediam dictis; prohibent nam cetera Parcae scire Helenum farique vetat Saturnia Iuno. principio Italiam, quam tu iam rere propinquam vicinosque, ignare, paras invadere portus, longa procul longis via dividit invia terris. ante et Trinacria lentandus remus in unda et salis Ausonii lustrandum navibus aequor infernique lacus Aeaeaeque insula Circae, quam tuta possis urbem componere terra. signa tibi dicam, tu condita mente teneto: cum tibi sollicito secreti ad fluminis undam litoreis ingens inventa sub ilicibus sus triginta capitum fetus enixa iacebit, alba solo recubans, albi circum ubera nati, is locus urbis erit, requies ea certa laborum. nec tu mensarum morsus horresce futuros: fata viam invenient aderitque vocatus Apollo. has autem terras Italique hanc litoris oram, proxima quae nostri perfunditur aequoris aestu, effuge; cuncta malis habitantur moenia Grais. hic et Narycii posuerunt moenia Locri, et Sallentinos obsedit milite campos Lyctius Idomeneus; hic illa ducis Meliboei parva Philoctetae subnixa Petelia muro. quin ubi transmissae steterint trans aequora classes et positis aris iam vota in litore solves, purpureo velare comas adopertus amictu, ne qua inter sanctos ignis in honore deorum hostilis facies occurrat et omina turbet. hunc socii morem sacrorum, hunc ipse teneto; hac casti maneant in religione nepotes. ast ubi digressum Siculae te admoverit orae ventus, et angusti rarescent claustra Pelori, laeva tibi tellus et longo laeva petantur aequora circuitu; dextrum fuge litus et undas. haec loca vi quondam et vasta convulsa ruina tantum aevi longinqua valet mutare vetustas dissiluisse ferunt, cum protinus utraque tellus una foret: venit medio vi pontus et undis Hesperium Siculo latus abscidit, arvaque et urbes litore diductas angusto interluit aestu. dextrum Scylla latus, laevum implacata Charybdis obsidet, atque imo barathri ter gurgite vastos sorbet in abruptum fluctus rursusque sub auras erigit alternos, et sidera verberat unda. at Scyllam caecis cohibet spelunca latebris ora exsertantem et navis in saxa trahentem. prima hominis facies et pulchro pectore virgo pube tenus, postrema immani corpore pistrix delphinum caudas utero commissa luporum. praestat Trinacrii metas lustrare Pachyni cessantem, longos et circumflectere cursus, quam semel informem vasto vidisse sub antro Scyllam et caeruleis canibus resonantia saxa. praeterea, si qua est Heleno prudentia vati, si qua fides, animum si veris implet Apollo, unum illud tibi, nate dea, proque omnibus unum praedicam et repetens iterumque iterumque monebo, Iunonis magnae primum prece numen adora, Iunoni cane vota libens dominamque potentem supplicibus supera donis: sic denique victor Trinacria finis Italos mittere relicta huc ubi delatus Cumaeam accesseris urbem divinosque lacus et Averna sonantia silvis, insanam vatem aspicies, quae rupe sub ima fata canit foliisque notas et nomina mandat. quaecumque in foliis descripsit carmina virgo digerit in numerum atque antro seclusa relinquit: illa manent immota locis neque ab ordine cedunt. verum eadem, verso tenuis cum cardine ventus impulit et teneras turbavit ianua frondes, numquam deinde cavo volitantia prendere saxo nec revocare situs aut iungere carmina curat: inconsulti abeunt sedemque odere Sibyllae. hic tibi ne qua morae fuerint dispendia tanti, quamvis increpitent socii et vi cursus in altum vela vocet, possisque sinus implere secundos, quin adeas vatem precibusque oracula poscas ipsa canat vocemque volens atque ora resolvat. illa tibi Italiae populos venturaque bella et quo quemque modo fugiasque ferasque laborem expediet, cursusque dabit venerata secundos. haec sunt quae nostra liceat te voce moneri. vade age et ingentem factis fer ad aethera Troiam.' Quae postquam vates sic ore effatus amico est, dona dehinc auro gravia ac secto elephanto imperat ad navis ferri, stipatque carinis ingens argentum Dodonaeosque lebetas, loricam consertam hamis auroque trilicem, et conum insignis galeae cristasque comantis, arma Neoptolemi. sunt et sua dona parenti. addit equos, additque duces, remigium supplet, socios simul instruit armis.

Traduzione Italiana

Ed ormai un giorno ed altro giorno passò, i venti chiamano le vele e la tela si gonfia del ricco Austro: avvicino il vate con queste parole e così prego: “ Figlio di Troia, interprete degli dei, che le potenze d’ Apollo, che i tripodi ed i lauri di Clario, che le stelle senti e le lingue degli uccelli ed i presagi del rapido volo, orsù parla, infatti ogni auspicio favorevole predisse la rotta, e tutti gli dei col volere consigliarono cercare l’ Italia e tentare terre remote; l’arpia Celeno unica profetizza un prodigio funesto a dirsi ed annuncia tristi ire ed una fame tremenda, quali pericoli evito per primi? o seguendo che cosa potrei superare sì grandi affanni? Qui Eleno prima, uccisi i giovenchi, secondo il rito invoca la pace degli dei e scioglie le bende del sacro capo, e lui conduce, o Febo, per mano alle tue porte me dubbioso per la immensa potenza, ed infine il sacerdote così profetizza dalla bocca divina: “Figlio di dea, (infatti è chiara certezza che tu vai per mare con maggiori auspici); così il re degli dei sorteggia i fati e volle le vicende, questo piano si compie, rivelerò tra molte parole poche cose, perché più sicuro possa visitare acque ospitali e fermarti nel porto Ausonio; le Parche impediscono che Eleno sappia altro e la saturnia Giunone vieta di parlare. All’inizio ti prepari a toccare l’Italia, che tu già credi prossima, ed i porti vicini, o ignaro, una lunga via impervia lontano divide da lunghe terre. C’è da piegare il remo in onda Trinacria e da visitare colle navi l’acqua del mare Ausonio, ed i laghi infernali, e l’sola Eea di Circe, prima che tu possa fondare su terra sicura una città. Ti dirò i segni, tu li terrai serbati in mente: quando davanti a te preoccupato presso l’onda di un fiume ignoto una enorme scrofa trovata sotto gli elci del lido giacerà avendo partorito trenta capi, bianca, sdraiata al suolo, attorno alle mammelle trenta piccoli bianchi, quello sarà il luogo della città, quella la certa quiete degli affanni. Tu non temere i futuri morsi delle mense: i fati troveranno la via e Apollo invocato assisterà. Ma fuggi queste terre e questa spiaggia del lido italo, che vicino è bagnato dalla marea della nostra acqua; tutte le mura sono abitate dai malvagi Grai. Qui anche i Locri narici posero le mura ed il Lizio Idomeneo occupò le piane Sallentine di soldataglia; qui la piccola città del capo Melibeo di Filottete, Petelia, è appoggiata al muro. Anzi quando le flotte passate oltre le onde staranno e fatti gli altari ormai scioglierai voti sul lido, vela le chiome coperto di manto purpureo, che non capiti qualche aspetto ostile e turbi gli auspici tra i sacri fuochi nella cerimonia degli dei. I soci mantengano questo rito, questo anche tu; in questo cerimoniale restino puri i nipoti. Ma quando il vento ti avrà spinto, partito, alla spiaggia sicula e si apriranno i recinti dell’angusto Peloro, da te la terra sinistra, le acque sinistre siano seguite nel lungo circuito; fuggi il lido destro e le onde. Raccontano che un tempo questi luoghi sconvolti da forza e vasta frana (tanto una lunga vetustà di tempi può cambiare) sussultarono, diventando subito le due terre una sola: in mezzo venne con forza il mare e con le onde troncò il lato Esperio dal siculo, e bagnò con angusto flusso i campi e le città separate dal lido. Scilla occupa il lato destro, il sinistro l’implacabile Cariddi, e nel profondo gorgo del baratro tre volte risucchia i vasti flutti nell’abisso e di nuovo li scaglia all’aria alterni e con l’onda sferza le stelle. Ma una grotta costringe Scilla in ciechi nascondigli scoprendo le bocche e trascinando le navi sulle rocce. In alto volto di persona e ragazza dal bel petto fino al pube, in basso la balena dal corpo enorme unita con code di delfini a ventre di lupo. Conviene percorrere le cime del Trinacrio Pachino scappando, e piegare attorno lunghe rotte, che aver visto una volta sotto il vasto antro l’orribile Scilla e le rocce risuonanti di lividi cani. Inoltre, se il vate Eleno ha qualche saggezza, se ha qualche fiducia, se Apollo gli empie l’animo di cose vere, proclamerò una cosa a te, figlio di dea, una sola per tutte, e riprendendola ancora e ancora esorterò, adora anzitutto con supplica la maestà della grande Giunone, a Giunone canta voti lieto e vinci la potente signora con supplici doni: così finalmente vittorioso, lasciata la Trinacria, sarai mandato sui territori itali. Qui giunto come giungerai alla città di Cuma ed ai laghi divini ed Averna risuonante di selve, vedrai l’invasata profetessa, ai piedi d’una rupe profetizza i fati ed affida alle foglie segni e nomi. Qualsiasi verso la vergine abbia scritto sulle foglie li mette in ordine e li lascia chiusi nella grotta: essi restano immobili al posto ne cambiano dall’ordine. Ma quando una leggera brezza, giratosi il cardine, l ha colpiti e la porta ha sconvolto le tenere fronde, mai più si cura di prenderli, volando nella cava roccia né metterli a posto ed unire i versi: sconsiderati se ne vanno ed odiano la casa della Sibilla. Qui nessun dispendio di tempo ti sia di grande importanza, anche se i compagni sgridino e con forza la rotta chiami al largo le vele e possa saziare le pieghe favorevoli, perché non avvicini la profetessa e chieda con preghiere che lei stessa pronunci gli oracoli e volente sciolga la voce e le labbra. Ella ti spiegherà i popoli d’Italia e le guerre future e come fuggire e sopportare ogni affanno, e venerata darà rotte sicure Queste sono le cose che sia lecito consigliar con la nostra voce. Orsù va’ e con le imprese porta la grande Troia alle stelle”. Dopo che il vate pronunciò queste parole con volto amico, ancora ordina che siano portate alle navi doni pesanti di oro e d’avorio lavorato e stipa nelle carene molto argento e catini Dodonei, una corazza intessuta a maglie e triplice d’oro, ed il cono di splendido elmo e creste frondeggianti, armi di Neottolemo. Anche il padre ha i suoi doni. Aggiunge cavalli, ed aggiunge cocchieri, completa il remeggio, ed insieme fornisce i compagni di armi.