Versione di Virgilio

Libro 5, vv. 139-285

Traduzione della Versione "Libro 5, vv. 139-285" di Virgilio

Testo Originale Latino

Inde ubi clara dedit sonitum tuba, finibus omnes, haud mora, prosiluere suis; ferit aethera clamor nauticus, adductis spumant freta versa lacertis. infindunt pariter sulcos, totumque dehiscit convulsum remis rostrisque tridentibus aequor. non tam praecipites biiugo certamine campum corripuere ruuntque effusi carcere currus, nec sic immissis aurigae undantia lora concussere iugis pronique in verbera pendent. tum plausu fremituque virum studiisque faventum consonat omne nemus, vocemque inclusa volutant litora, pulsati colles clamore resultant. Effugit ante alios primisque elabitur undis turbam inter fremitumque Gyas; quem deinde Cloanthus consequitur, melior remis, sed pondere pinus tarda tenet. post hos aequo discrimine Pristis Centaurusque locum tendunt superare priorem; et nunc Pristis habet, nunc victam praeterit ingens Centaurus, nunc una ambae iunctisque feruntur frontibus et longa sulcant vada salsa carina. iamque propinquabant scopulo metamque tenebant, cum princeps medioque Gyas in gurgite victor rectorem navis compellat voce Menoeten: 'quo tantum mihi dexter abis? huc derige cursum; litus ama et laeva stringat sine palmula cautes; altum alii teneant.' dixit; sed caeca Menoetes saxa timens proram pelagi detorquet ad undas. 'quo diversus abis?' iterum 'pete saxa, Menoete.' cum clamore Gyas revocabat, et ecce Cloanthum respicit instantem tergo et propiora tenentem. ille inter navemque Gyae scopulosque sonantis radit iter laevum interior subitoque priorem praeterit et metis tenet aequora tuta relictis. tum vero exarsit iuveni dolor ossibus ingens nec lacrimis caruere genae, segnemque Menoeten oblitus decorisque sui sociumque salutis in mare praecipitem puppi deturbat ab alta; ipse gubernaclo rector subit, ipse magister hortaturque viros clavumque ad litora torquet. at gravis ut fundo vix tandem redditus imo est iam senior madidaque fluens in veste Menoetes summa petit scopuli siccaque in rupe resedit. illum et labentem Teucri et risere natantem et salsos rident revomentem pectore fluctus. Hic laeta extremis spes est accensa duobus, Sergesto Mnestheique, Gyan superare morantem. Sergestus capit ante locum scopuloque propinquat, nec tota tamen ille prior praeeunte carina; parte prior, partim rostro premit aemula Pristis. at media socios incedens nave per ipsos hortatur Mnestheus: 'nunc, nunc insurgite remis, Hectorei socii, Troiae quos sorte suprema delegi comites; nunc illas promite viris, nunc animos, quibus in Gaetulis Syrtibus usi Ionioque mari Maleaeque sequacibus undis. non iam prima peto Mnestheus neque vincere certo quamquam o.- sed superent quibus hoc, Neptune, dedisti; extremos pudeat rediisse: hoc vincite, cives, et prohibete nefas.' olli certamine summo procumbunt: vastis tremit ictibus aerea puppis subtrahiturque solum, tum creber anhelitus artus aridaque ora quatit, sudor fluit undique rivis. attulit ipse viris optatum casus honorem: namque furens animi dum proram ad saxa suburget interior spatioque subit Sergestus iniquo, infelix saxis in procurrentibus haesit. concussae cautes et acuto in murice remi obnixi crepuere inlisaque prora pependit. consurgunt nautae et magno clamore morantur ferratasque trudes et acuta cuspide contos expediunt fractosque legunt in gurgite remos. at laetus Mnestheus successuque acrior ipso agmine remorum celeri ventisque vocatis prona petit maria et pelago decurrit aperto. qualis spelunca subito commota columba, cui domus et dulces latebroso in pumice nidi, fertur in arva volans plausumque exterrita pennis dat tecto ingentem, mox aere lapsa quieto radit iter liquidum celeris neque commovet alas: sic Mnestheus, sic ipsa fuga secat ultima Pristis aequora, sic illam fert impetus ipse volantem. et primum in scopulo luctantem deserit alto Sergestum brevibusque vadis frustraque vocantem auxilia et fractis discentem currere remis. inde Gyan ipsamque ingenti mole Chimaeram consequitur; cedit, quoniam spoliata magistro est. solus iamque ipso superest in fine Cloanthus, quem petit et summis adnixus viribus urget. Tum vero ingeminat clamor cunctique sequentem instigant studiis, resonatque fragoribus aether. hi proprium decus et partum indignantur honorem ni teneant, vitamque volunt pro laude pacisci; hos successus alit: possunt, quia posse videntur. et fors aequatis cepissent praemia rostris, ni palmas ponto tendens utrasque Cloanthus fudissetque preces divosque in vota vocasset: 'di, quibus imperium est pelagi, quorum aequora curro, vobis laetus ego hoc candentem in litore taurum constituam ante aras voti reus, extaque salsos proiciam in fluctus et vina liquentia fundam.' dixit, eumque imis sub fluctibus audiit omnis Nereidum Phorcique chorus Panopeaque virgo, et pater ipse manu magna Portunus euntem impulit: illa Noto citius volucrique sagitta ad terram fugit et portu se condidit alto. tum satus Anchisa cunctis ex more vocatis victorem magna praeconis voce Cloanthum declarat viridique advelat tempora lauro, muneraque in navis ternos optare iuvencos vinaque et argenti magnum dat ferre talentum. ipsis praecipuos ductoribus addit honores: victori chlamydem auratam, quam plurima circum purpura maeandro duplici Meliboea cucurrit, intextusque puer frondosa regius Ida velocis iaculo cervos cursuque fatigat acer, anhelanti similis, quem praepes ab Ida sublimem pedibus rapuit Iovis armiger uncis; longaevi palmas nequiquam ad sidera tendunt custodes, saevitque canum latratus in auras. at qui deinde locum tenuit virtute secundum, levibus huic hamis consertam auroque trilicem loricam, quam Demoleo detraxerat ipse victor apud rapidum Simoenta sub Ilio alto, donat habere, viro decus et tutamen in armis. vix illam famuli Phegeus Sagarisque ferebant multiplicem conixi umeris; indutus at olim Demoleos cursu palantis Troas agebat. tertia dona facit geminos ex aere lebetas cymbiaque argento perfecta atque aspera signis. iamque adeo donati omnes opibusque superbi puniceis ibant evincti tempora taenis, cum saevo e scopulo multa vix arte revulsus amissis remis atque ordine debilis uno inrisam sine honore ratem Sergestus agebat. qualis saepe viae deprensus in aggere serpens, aerea quem obliquum rota transiit aut gravis ictu seminecem liquit saxo lacerumque viator; nequiquam longos fugiens dat corpore tortus parte ferox ardensque oculis et sibila colla arduus attollens; pars vulnere clauda retentat nexantem nodis seque in sua membra plicantem: tali remigio navis se tarda movebat; vela facit tamen et velis subit ostia plenis. Sergestum Aeneas promisso munere donat servatam ob navem laetus sociosque reductos. olli serva datur operum haud ignara Minervae, Cressa genus, Pholoe, geminique sub ubere nati.

Traduzione Italiana

Poi, quando la tromba squillante lanciò il suono, senza indugio, tutti scattarono dai loro posti; il grido marinaresco ferisce i cieli, spinti i muscoli, le onde sconvolte spumeggiano. Tagliano parallelamente solchi, tutto il mare, battuto dai remi e da rostri a tridente si spalanca. Non così a precipizio in una gara di bighe, i carri si avventarono sulla pianura, usciti dal cancello, né, lanciati i gioghi, gli aurighi scossero le briglie ondeggianti e piegati si tendoni nelle frustate. Allora tutto il bosco risuona all'applauso ed al clamore di uomini che con impegno tifano, i lidi chiusi risuonano la voce, i colli percossi dal grido riecheggiano. Scatta davanti agli altri Gia e scivola sulle prime onde tra le turba ed i fremito; ma Cloanto lo insegue, (la nave) di pino, migliore per i remi, ma lenta per il peso lo trattiene.Dopo questi, ad ugual distanza, Pristi e Centauro tentano di raggiungere una miglior postazione; ora ce li ha Pristi, ora l'enorme Centauro sorpassa la vinta, ora entrambe si portano insieme, unite le fronti e con la lunga carena solcano i guadi salati. Ormai si avvicinavano allo scoglio e tenevano la meta, quando Gia per primo, vincitore, nel gorgo sgrida a voce il pilota della nave, Menete: "Dove mi vai tanto a destra? Qui dirigi la rotta; ama il lido e con la sinistra senza remo stringa la roccia; altri tengano il largo." disse; ma Menete temendo le cieche rupi, distorce la prora verso le onde d'alto mare. "Dove vai fuori corsa?" di nuovo" Tieni le rocce, Menete." Mentre Gia urlava con grida, ecco vede Cloanto, che incalza dietro e si tiene più vicino. Egli tra la nave di Gia e le rocce sonanti all'interno rasenta il passaggio sinistro e subito sorpassa il primo e, lasciate le mete, ottiene il mare sicuro. Allora davvero al giovane un forte dolore bruciò nelle ossa, ne le guance mancarono di lacrime e dimentico del suo onore e della salvezza dei compagni sbatte il lento Menete a capofitto dall'alta poppa in mare; egli come pilota subentra al timone, egli da nocchiero esorta gli uomini e gira la barra ai lidi. Ma pesante, come appena a stento si riprese dal fondo, Menete, già vecchio e grondante per la veste inzuppata si dirige in cima allo scoglio e si sedette sulla rupe asciutta. Ne risero i Teucri, quando cadeva e nuotava, ne ridono mentre vomita dal petto i flutti salati. Allora per gli ultimi due si accese una lieta speranza, per Sergesto e Mnesteo, di superare Gia che s'attardava. Sergesto prende prima il posto e s'avvicina allo scoglio, ma tuttavia egli non è primo, perché la nave non sorpassava tutta, in parte è primo, in parte l'emila Pristi preme col rostro. Ma Mnesteo in mezzo alla nave andando trai compagni esortava:"Adesso, adesso forzate coi remi, compagni di Ettore, che io scelsi come compagni nell'estrema sorte di Troia; adesso mostrate quelle forse, adesso quegli spiriti, di cui vi serviste nelle Getule Sirti e nel mar Ionio e nelle onde incalzanti di Melea. Io Mnesteo non chiedo i primi premi né voglio vincere, benché, oh..Ma vincano, Nettuno, quelli cui ciò concedesti; sia vergogna esser arrivati ultimi: in questo vincete, cittadini, ed evitate il disonore". Essi buttano al massimo della gara: l'aerea poppa trema per i forti colpi il suolo (del mare) si toglie di sotto, poi un frequente anelito scuote le membra e le aride bocche, ovunque il sudore scorre a rivi. Ma proprio il caso porto agli uomini il desiderato onore: infatti mentre Sergesto furente nel cuore all'interno spinge la prora alle rocce e si immette in spazio sfavorevole, sfortunato s'incagliò nelle rocce sporgenti. Le rupi si scossero ed i remi puntati sullo scoglio aguzzo si spaccarono e la prua schiacciata restò sospesa. S'alzano i marinai e tra grande schiamazzo si fermano prendono pali ferrati e pertiche dalla cima appuntita e raccolgono nel gorgo i remi spezzati. Ma lieto Mnesteo più forte per lo stesso fatto con la veloce schiera dei remi ed i venti invocati si dirige sui flutti distesi e corre sul mare aperto. Come una colomba improvvisamente cacciata da una caverna, che ha la casa ed i dolci nidi nell'oscuro sasso, si porta volando sui campi ed atterrita nell'interno dà un gran battito di penne, poi scivolando nell'aria quieta sfiora il limpido corso e muove le celeri ali: così Mnesteo, così la stessa Pristi in fuga taglia gli ultimi flutti, così la stessa foga la porta in volo. Ed anzitutto lascia sull'alto scoglio Sergesto che lotta e che invano nei bassi fondali invocava aiuto e tentava di correre coi remi spezzati. Quindi raggiunge Gia e la stessa Chimera dalla gran stazza; cede, perché è privata del pilota. Ormai resta da solo Cloanto sullo stesso arrivo, ma lo cerca e lo incalza spingendo con tutte le forze. Allora davvero si raddoppia il grido e tutti incitano l'inseguitore col tifo, il cielo risuona d'applausi. Questi si irritano se non ottengono il proprio onore ed il premio guadagnato, vogliono scambiare la vita col premio. Li anima il successo: possono, perché credono di potere. Forse avrebbero preso i premi, pareggiati i rostri, se Cloanto tendendo in mare entrambe le palme non avesse offerto preghiere e chiamato gli dei in aiuto: "Dei, che avete il dominio del mare, di cui corro i mari, io, lieto, vi dedicherò su questo lido un toro davanti agli altari, fedele al voto, getterò nei flutti salati le viscere e verserò limpidi vini" Disse, e sotto i flutti profondi lo udì tutto il coro delle Nereidi, di Forco e la vergine Panopea, e lo stesso padre Portuno con la gran mano lo spinse ad andare: quella più celermente di Noto ed alata freccia fugge a terra e si ritrasse nel porto profondo. Allora il figlio d'Anchise, chiamatili tutti, secondo costume, con la gran voce dell'araldo dichiara vincitore Cloanto e gli vela le tempia di verde alloro, concede di scegliere i doni per le navi, tre giovenchi ciascuna, e portare vini ed un pesante talento d'argento. Agli stessi capi aggiunge particolari premi: al vincitore una clamide d'oro, che una lunga porpora Melibea circonda attorno con triplice orlo, c'è ricamato il regio fanciullo sull'Ida frondosa, spietato stanca veloci cervi con freccia e corsa, simile ad ansante, ma lo rapì in alto dall'Ida il veloce armigero di Giove con piedi uncinati; gli anziani custodi invano tendono le palme stelle, il latrato dei cani abbaia contro le stelle. Ma chi poi ottenne il secondo posto per coraggio, a costui concede di avere una triplice corazza intessuta d'oro e con tre ami, che lui vincitore aveva tolto a Demoleo presso il rapido Simoenta sotto l'alta Ilio, come onore e protezione in armi per un eroe. A stento i servi Fegeo e Sagari la portavano sforzandosi sulle spalle, ripiegata; un tempo Damoleo, rivestitone, inseguiva di corsa i Teucri sbandati. Offre come terzi premi due lebeti di bronzo e coppe d'argento lavorate e sbalzate con figure. Ormai così tutti premiati se n'andavano superbi coi doni, recinte le tempia di nastri purpurei, quando strappatosi a stento con molta fatica dallo scoglio crudele, Sergesto, persi i remi, debole per un solo ordine, conduceva una barca derisa, senza premio. Quale spesso un serpente sorpreso in un argine di strada, che una ruota di bronzo trapassò di traverso o un crudele viandante lasciò mezzo morto e ferito da un colpo con un sasso, invano fuggendo dà lunghi contorsioni col corpo, in parte fiero e ardente con gli occhi e dritto alzando i colli sibilanti; la parte storpiata dalla ferita trattiene lui che si intreccia con nodi e si ripiega nelle sue membra: con tale remeggio la nave si muoveva lenta; tuttavia spiega le vele ed a vele piene raggiunge i porti. Enea lieto per la nave salvata ed i compagni ricondotti premia Sergesto col dono promesso. Gli è data una schiava non ignara dell'opera di Minerva, Foloe, cretese di stirpe, due figli gemelli al seno.