Versione di Virgilio

Libro 5, vv. 362-484

Traduzione della Versione "Libro 5, vv. 362-484" di Virgilio

Testo Originale Latino

Post, ubi confecti cursus et dona peregit, 'nunc, si cui virtus animusque in pectore praesens, adsit et evinctis attollat bracchia palmis': sic ait, et geminum pugnae proponit honorem, victori velatum auro vittisque iuvencum, ensem atque insignem galeam solacia victo. nec mora; continuo vastis cum viribus effert ora Dares magnoque virum se murmure tollit, solus qui Paridem solitus contendere contra, idemque ad tumulum quo maximus occubat Hector victorem Buten immani corpore, qui se Bebrycia veniens Amyci de gente ferebat, perculit et fulva moribundum extendit harena. talis prima Dares caput altum in proelia tollit, ostenditque umeros latos alternaque iactat bracchia protendens et verberat ictibus auras. quaeritur huic alius; nec quisquam ex agmine tanto audet adire virum manibusque inducere caestus. ergo alacris cunctosque putans excedere palma Aeneae stetit ante pedes, nec plura moratus tum laeva taurum cornu tenet atque ita fatur: 'nate dea, si nemo audet se credere pugnae, quae finis standi? quo me decet usque teneri? ducere dona iube.' cuncti simul ore fremebant Dardanidae reddique viro promissa iubebant. Hic gravis Entellum dictis castigat Acestes, proximus ut viridante toro consederat herbae: 'Entelle, heroum quondam fortissime frustra, tantane tam patiens nullo certamine tolli dona sines? ubi nunc nobis deus ille, magister nequiquam memoratus, Eryx? ubi fama per omnem Trinacriam et spolia illa tuis pendentia tectis?' ille sub haec: 'non laudis amor nec gloria cessit pulsa metu; sed enim gelidus tardante senecta sanguis hebet, frigentque effetae in corpore vires. si mihi quae quondam fuerat quaque improbus iste exsultat fidens, si nunc foret illa iuventas, haud equidem pretio inductus pulchroque iuvenco venissem, nec dona moror.' sic deinde locutus in medium geminos immani pondere caestus proiecit, quibus acer Eryx in proelia suetus ferre manum duroque intendere bracchia tergo. obstipuere animi: tantorum ingentia septem terga boum plumbo insuto ferroque rigebant. ante omnis stupet ipse Dares longeque recusat, magnanimusque Anchisiades et pondus et ipsa huc illuc vinclorum immensa volumina versat. tum senior talis referebat pectore voces: 'quid, si quis caestus ipsius et Herculis arma vidisset tristemque hoc ipso in litore pugnam? haec germanus Eryx quondam tuus arma gerebat sanguine cernis adhuc sparsoque infecta cerebro, his magnum Alciden contra stetit, his ego suetus, dum melior viris sanguis dabat, aemula necdum temporibus geminis canebat sparsa senectus. sed si nostra Dares haec Troius arma recusat idque pio sedet Aeneae, probat auctor Acestes, aequemus pugnas. Erycis tibi terga remitto solve metus, et tu Troianos exue caestus.' haec fatus duplicem ex umeris reiecit amictum et magnos membrorum artus, magna ossa lacertosque exuit atque ingens media consistit harena. tum satus Anchisa caestus pater extulit aequos et paribus palmas amborum innexuit armis. constitit in digitos extemplo arrectus uterque bracchiaque ad superas interritus extulit auras. abduxere retro longe capita ardua ab ictu immiscentque manus manibus pugnamque lacessunt, ille pedum melior motu fretusque iuventa, hic membris et mole valens; sed tarda trementi genua labant, vastos quatit aeger anhelitus artus. multa viri nequiquam inter se vulnera iactant, multa cavo lateri ingeminant et pectore vastos dant sonitus, erratque auris et tempora circum crebra manus, duro crepitant sub vulnere malae. stat gravis Entellus nisuque immotus eodem corpore tela modo atque oculis vigilantibus exit. ille, velut celsam oppugnat qui molibus urbem aut montana sedet circum castella sub armis, nunc hos, nunc illos aditus, omnemque pererrat arte locum et variis adsultibus inritus urget. ostendit dextram insurgens Entellus et alte extulit, ille ictum venientem a vertice velox praevidit celerique elapsus corpore cessit; Entellus viris in ventum effudit et ultro ipse gravis graviterque ad terram pondere vasto concidit, ut quondam cava concidit aut Erymantho aut Ida in magna radicibus eruta pinus. consurgunt studiis Teucri et Trinacria pubes; it clamor caelo primusque accurrit Acestes aequaevumque ab humo miserans attollit amicum. at non tardatus casu neque territus heros acrior ad pugnam redit ac vim suscitat ira; tum pudor incendit viris et conscia virtus, praecipitemque Daren ardens agit aequore toto nunc dextra ingeminans ictus, nunc ille sinistra. nec mora nec requies: quam multa grandine nimbi culminibus crepitant, sic densis ictibus heros creber utraque manu pulsat versatque Dareta. Tum pater Aeneas procedere longius iras et saevire animis Entellum haud passus acerbis, sed finem imposuit pugnae fessumque Dareta eripuit mulcens dictis ac talia fatur: 'infelix, quae tanta animum dementia cepit? non viris alias conversaque numina sentis? cede deo.' dixitque et proelia voce diremit. ast illum fidi aequales genua aegra trahentem iactantemque utroque caput crassumque cruorem ore eiectantem mixtosque in sanguine dentes ducunt ad navis; galeamque ensemque vocati accipiunt, palmam Entello taurumque relinquunt. hic victor superans animis tauroque superbus 'nate dea, vosque haec' inquit 'cognoscite, Teucri, et mihi quae fuerint iuvenali in corpore vires et qua servetis revocatum a morte Dareta.' dixit, et adversi contra stetit ora iuvenci qui donum astabat pugnae, durosque reducta libravit dextra media inter cornua caestus arduus, effractoque inlisit in ossa cerebro: sternitur exanimisque tremens procumbit humi bos. ille super talis effundit pectore voces: 'hanc tibi, Eryx, meliorem animam pro morte Daretis persolvo; hic victor caestus artemque repono.'

Traduzione Italiana

Poi, quando furono finite le corse consegnò i doni, "Ora, se a qualcuno in petto (c'è) valore e coraggio forte, si presenti ed alzi le braccia con le palme legate": così disse, e propone doppio premio per la gara, al vincitore un giovenco velato d'oro e di bende, una spada ed uno splendido elmo, come consolazioni per il vinto. Non esitazione; subito con grandi forse Darete offre la faccia e s'alza tra un gran mormorio di uomini. Il solo che era solito gareggiare contro Paride, e lui stesso al tumulo dove giace il massimo Ettore, abbatté il vincitore Bute, dal corpo gigantesco, che si vantava provenendo dalla stirpe Bebricia di Amico;, e lo stese moribondo sulla bionda sabbia. Tale Darete alza l'alto capo per gli inizi degli scontri, mostra le larghe spalle e stendendole mostra le braccia alterne e colpisce l'aria di colpi. Si cerca un altro per costui; e nessuno tra tanta folla osa affrontare l'uomo portare i cesti alle mani. Quindi superbo credendo che tutti si ritirassero dalla gara si piantò ai piedi di Enea, né esitando di più tiene per un corno il toro con la sinistra e così parla: "Figlio di dea, se nessuno osa darsi allo scontro, quale il termine di star fermi? Fin quando è decente che sia tenuto? Ordina di portare i doni". Tutti insieme fremevano in viso i Dardanidi e incitavano a dare all'eroe le promesse. Allora il severo Aceste rimprovera Entello con parole, come sedeva vicino sul verdeggiante letto d'erba: "Entello, invano un tempo il più forte degli eroi, permetti sopportando che si gran doni siano presi senza alcuna gara? Dov'è adesso quel dio per noi, invano ricordato come maestro, Erice? Dove la fama per tutta la Trinacria e quei trofei pendenti nelle tue case?" Quegli in risposta:"Non cessò l'amore del premio e la gloria, spenta dalla paura; ma il sangue freddo per la vecchiaia che blocca s'affievolisce, le forze sfinite nel corpo gelano. Se avessi quella d'un tempo di cui costui superbo esulta fidandosi, se adesso ci fosse quella giovinezza, non indotto senz'altro dal dono e dal bel giovenco sarei venuto, non aspetto regali". Avendo così parlato, gettò nel mezzo i due cesti di enorme peso, con cui il terribile Erice portava in gara il pugno e stendere le braccia nella dura pelle. Gli animi stupirono: le enormi pelli di sette buoi erano rigidi per il piombo inserito ed il ferro. Prima di tutti lo stesso Darete si stupisce e davvero rifiuta, il magnanimo Anchisiade valuta il peso qua e là e le stesse immense cinghie. Allora l'anziano riferiva tali espressioni dal petto: "Che? Se uno avesse visto i cesti e le stesse armi di Ercole e la triste lotta su questa stessa spiaggia? Un tempo tuo fratello Erice portava queste armi; li vedi ancora sporchi di sangue e cervello sparso, con questi stesse contro il grande Alcide, con questi io ero abituato, mentre un sangue migliore dava le forze, né ancora la rivale vecchiaia, sparsa, biancheggiava sulle due tempia. Ma se il troiano Darete rifiuta queste nostre armi e ciò piace al pio Enea, Aceste, il garante, l'approva, pareggiamo gli scontri. Ripongo le pelli di Erice, caccia le paure, anche tu togli i cesti troiani. Detto questo buttò dalle spalle il doppio mantello, denudò i grandi arti delle membra, le grandi ossa ed i muscoli ed immenso si piantò in mezzo all'arena. Allora il padre, figlio d'Anchise, portò cesti uguali e legò le palme di entrambi con armi pari. L'uno e l'altro teso subito si portò sulle punte e impavido alzò le braccia in alto al cielo. Ritrassero le alte teste lontano dal colpo incrociano le mani e con le mani provocano lo scontro, quello migliore per l'agilità dei piedi fidandosi sulla giovinezza, questi potente per le membra e la mole; ma le lente ginocchia, a lui tremolante, vacillano ed il debole respiro scuote le grandi membra. Gli uomini invano tra loro si lanciano molti colpi; molti ne raddoppiano e provocano di petto vasti rimbombi, la mano gira frequente attorno alle orecchie ed alle tempia, le mascelle crepitano sotto il colpo violento. Entello pesante è fermo ed immobile con sforzo e lo stesso corpo svia i colpi con la tattica e gli occhi vigili. Quello, come chi con macchine assedia un'alta città o sta sotto le armi attorno a fortezze montane, con arte gira attorno ora a questi passaggi, ora a quelli e ad ogni postazione ed invano preme con vari assalti. Entello alzandosi mostrò un destro e s'alzò in alto, quello veloce previde il colpo proveniente da sopra e sfuggendo col corpo veloce si scansò; Entello buttò le forze al vento ed inoltre lui, pesante, pesantemente cadde a terra col gran peso, come talvolta un pino cavo, divelto alle radici, cade sull'Erimanto o sul grande Ida. Per il tifo si alzano i Teucri e la gioventù Trinacria; il clamore va al cielo, Aceste accorre per primo e pietoso alza da terra l'amico coetaneo. Ma l'eroe non bloccato dall'incidente né atterrito più aspro ritorna allo scontro e l'ira accresce la forza; allora la vergogna ed il coraggio risoluto accende le forze, acceso insegue Darete a precipizio per tutto lo spiazzo ora col destro raddoppiando i colpi, ora quello con la sinistra. Non dubbio, né riposo: quanto le nubi crepitano sui tetti per la molta grandine, così l'eroe incessante con densi colpi e con ambedue le mani imperversa e colpisce Darete. Allora il padre Enea non sopportando che Entello continuasse oltre ed infierisse con animosità furibonde, impose allora la fine dello scontro e strappò lo stanco Darete, convincendolo a parole e s'esprime così: "Sfortunato, che grande pazzia ti colpì la mente? Non senti altre forze e le divinità contrarie? Cedi al dio."Disse e col discorso troncò gli scontri. Ma i fidi compagni portano quello, che trascina le deboli ginocchia, che sbatte la testa da una parte e dall'altra, che vomita dalla bocca sangue denso ed i denti mischiati col sangue; richiamati ritirano l'elmo e la spada, ad Entello lasciano la palma ed il toro. Questi vincitore, esultando in cuore e superbo per il toro: "Figlio di dea, e voi , Teucri, disse, sappiate queste cose: quali siano state le forze in me, in un corpo giovane, e da quale morte salviate Darete, sottrattolo:" Disse e si piantò contro il muso del giovenco davanti, che stava come premio della gara, e ritirata la destra, dritto, librò in mezzo tra e corna i pesanti cesti spaccato il cervello, li conficcò nelle ossa: il bue si stende esanime e tremando stramazza a terra. Egli aggiunge dal petto tali espressioni: "Erice, ti offro questa anima migliore al posto della morte di Darete; qui vincitore depongo i cesti e l'arte".