Versione di Virgilio

Libro 7, vv. 1-9

Traduzione della Versione "Libro 7, vv. 1-9" di Virgilio

Testo Originale Latino

Tu quoque litoribus nostris, Aeneia nutrix, 7.1 aeternam moriens famam, Caieta, dedisti; et nunc servat honos sedem tuus, ossaque nomen Hesperia in magna, si qua est ea gloria, signat. At pius exsequiis Aeneas rite solutis, aggere composito tumuli, postquam alta quierunt aequora, tendit iter velis portumque relinquit. aspirant aurae in noctem nec candida cursus luna negat, splendet tremulo sub lumine pontus.

Traduzione Italiana

Tu pure ai nostri lidi, nutrice di Enea, morendo desti, Gaeta, eterna fama; ed ora il tuo onore conserva una sede e la fama segna le ossa nella grande Esperia, se quella è gloria. Ma il pio Enea, eseguite le esequie ritualmente, 5 sistemato il materiale del tumulo, dopo che l'alto mare si quieto, apre la rotta alle vele e lascia il porto. Spirano le brezze sulla notte né la candida luna nega il percorso, il mare splende sotto tremula luce.