Versione di Virgilio

Libro 7, vv. 641-802

Traduzione della Versione "Libro 7, vv. 641-802" di Virgilio

Testo Originale Latino

Pandite nunc Helicona, deae, cantusque movete, 7.641 qui bello exciti reges, quae quemque secutae complerint campos acies, quibus Itala iam tum floruerit terra alma viris, quibus arserit armis; et meministis enim, divae, et memorare potestis; 645 ad nos vix tenuis famae perlabitur aura. Primus init bellum Tyrrhenis asper ab oris contemptor divum Mezentius agminaque armat. filius huic iuxta Lausus, quo pulchrior alter non fuit excepto Laurentis corpore Turni; 650 Lausus, equum domitor debellatorque ferarum, ducit Agyllina nequiquam ex urbe secutos mille viros, dignus patriis qui laetior esset imperiis et cui pater haud Mezentius esset. Post hos insignem palma per gramina currum 655 victoresque ostentat equos satus Hercule pulchro pulcher Aventinus, clipeoque insigne paternum centum anguis cinctamque gerit serpentibus Hydram; collis Aventini silva quem Rhea sacerdos furtivum partu sub luminis edidit oras, 7.660 mixta deo mulier, postquam Laurentia victor Geryone exstincto Tirynthius attigit arva, Tyrrhenoque boves in flumine lavit Hiberas. pila manu saevosque gerunt in bella dolones, et tereti pugnant mucrone veruque Sabello. 665 ipse pedes, tegimen torquens immane leonis, terribili impexum saeta cum dentibus albis indutus capiti, sic regia tecta subibat, horridus Herculeoque umeros innexus amictu. Tum gemini fratres Tiburtia moenia linquunt, 670 fratris Tiburti dictam cognomine gentem, Catillusque acerque Coras, Argiva iuventus, et primam ante aciem densa inter tela feruntur: ceu duo nubigenae cum vertice montis ab alto descendunt Centauri Homolen Othrymque nivalem 675 linquentes cursu rapido; dat euntibus ingens silva locum et magno cedunt virgulta fragore. Nec Praenestinae fundator defuit urbis, Volcano genitum pecora inter agrestia regem inventumque focis omnis quem credidit aetas, 7.680 Caeculus. hunc legio late comitatur agrestis: quique altum Praeneste viri quique arva Gabinae Iunonis gelidumque Anienem et roscida rivis Hernica saxa colunt, quos dives Anagnia pascis, quos Amasene pater. non illis omnibus arma 685 nec clipei currusve sonant; pars maxima glandes liventis plumbi spargit, pars spicula gestat bina manu, fulvosque lupi de pelle galeros tegmen habent capiti; vestigia nuda sinistri instituere pedis, crudus tegit altera pero. 690 At Messapus, equum domitor, Neptunia proles, quem neque fas igni cuiquam nec sternere ferro, iam pridem resides populos desuetaque bello agmina in arma vocat subito ferrumque retractat. hi Fescenninas acies Aequosque Faliscos, 695 hi Soractis habent arces Flaviniaque arva et Cimini cum monte lacum lucosque Capenos. ibant aequati numero regemque canebant: ceu quondam nivei liquida inter nubila cycni cum sese e pastu referunt et longa canoros 7.700 dant per colla modos, sonat amnis et Asia longe pulsa palus. nec quisquam aeratas acies examine tanto misceri putet, aeriam sed gurgite ab alto urgeri volucrum raucarum ad litora nubem. 705 Ecce Sabinorum prisco de sanguine magnum agmen agens Clausus magnique ipse agminis instar, Claudia nunc a quo diffunditur et tribus et gens per Latium, postquam in partem data Roma Sabinis. una ingens Amiterna cohors priscique Quirites, 710 Ereti manus omnis oliviferaeque Mutuscae; qui Nomentum urbem, qui Rosea rura Velini, qui Tetricae horrentis rupes montemque Severum Casperiamque colunt Forulosque et flumen Himellae, qui Tiberim Fabarimque bibunt, quos frigida misit 715 Nursia, et Ortinae classes populique Latini, quosque secans infaustum interluit Allia nomen: quam multi Libyco volvuntur marmore fluctus saevus ubi Orion hibernis conditur undis, vel cum sole novo densae torrentur aristae 7.720 aut Hermi campo aut Lyciae flaventibus arvis. scuta sonant pulsuque pedum conterrita tellus. onomatop Hinc Agamemnonius, Troiani nominis hostis, curru iungit Halaesus equos Turnoque ferocis mille rapit populos, vertunt felicia Baccho 725 Massica qui rastris, et quos de collibus altis Aurunci misere patres Sidicinaque iuxta aequora, quique Cales linquunt amnisque vadosi accola Volturni, pariterque Saticulus asper Oscorumque manus. teretes sunt aclydes illis 730 tela, sed haec lento mos est aptare flagello. laevas caetra tegit, falcati comminus enses. Nec tu carminibus nostris indictus abibis, Oebale, quem generasse Telon Sebethide nympha fertur, Teleboum Capreas cum regna teneret, 735 iam senior; patriis sed non et filius arvis contentus late iam tum dicione premebat Sarrastis populos et quae rigat aequora Sarnus, quique Rufras Batulumque tenent atque arva Celemnae, et quos maliferae despectant moenia Abellae, 7.740 Teutonico ritu soliti torquere cateias; tegmina quis capitum raptus de subere cortex aerataeque micant peltae, micat aereus ensis. Et te montosae misere in proelia Nersae, Ufens, insignem fama et felicibus armis, 745 horrida praecipue cui gens adsuetaque multo venatu nemorum, duris Aequicula glaebis. armati terram exercent semperque recentis convectare iuvat praedas et vivere rapto. Quin et Marruvia venit de gente sacerdos 750 fronde super galeam et felici comptus oliva Archippi regis missu, fortissimus Umbro, vipereo generi et graviter spirantibus hydris spargere qui somnos cantuque manuque solebat, mulcebatque iras et morsus arte levabat. 755 sed non Dardaniae medicari cuspidis ictum evaluit neque eum iuvere in vulnera cantus somniferi et Marsis quaesitae montibus herbae. te nemus Angitiae, vitrea te Fucinus unda, te liquidi flevere lacus. 7.760 Ibat et Hippolyti proles pulcherrima bello, Virbius, insignem quem mater Aricia misit, eductum Egeriae lucis umentia circum litora, pinguis ubi et placabilis ara Dianae. namque ferunt fama Hippolytum, postquam arte novercae occiderit patriasque explerit sanguine poenas turbatis distractus equis, ad sidera rursus aetheria et superas caeli venisse sub auras, Paeoniis revocatum herbis et amore Dianae. tum pater omnipotens aliquem indignatus ab umbris 770 mortalem infernis ad lumina surgere vitae, ipse repertorem medicinae talis et artis fulmine Phoebigenam Stygias detrusit ad undas. at Trivia Hippolytum secretis alma recondit sedibus et nymphae Egeriae nemorique relegat, 775 solus ubi in silvis Italis ignobilis aevum exigeret versoque ubi nomine Virbius esset. unde etiam templo Triviae lucisque sacratis cornipedes arcentur equi, quod litore currum et iuvenem monstris pavidi effudere marinis. 7.780 filius ardentis haud setius aequore campi exercebat equos curruque in bella ruebat. Ipse inter primos praestanti corpore Turnus vertitur arma tenens et toto vertice supra est. cui triplici crinita iuba galea alta Chimaeram 785 sustinet Aetnaeos efflantem faucibus ignis; tam magis illa fremens et tristibus effera flammis quam magis effuso crudescunt sanguine pugnae. at levem clipeum sublatis cornibus Io auro insignibat, iam saetis obsita, iam bos, 790 (argumentum ingens), et custos virginis Argus, caelataque amnem fundens pater Inachus urna. insequitur nimbus peditum clipeataque totis agmina densentur campis, Argivaque pubes Auruncaeque manus, Rutuli veteresque Sicani, 795 et Sacranae acies et picti scuta Labici; qui saltus, Tiberine, tuos sacrumque Numici litus arant Rutulosque exercent vomere collis Circaeumque iugum, quis Iuppiter Anxurus arvis praesidet et viridi gaudens Feronia luco; 7.800 qua Saturae iacet atra palus gelidusque per imas quaerit iter vallis atque in mare conditur Ufens.

Traduzione Italiana

Aprite adesso, dee, l'Elicona e muovete i cnti, quali re chiamati alla guerra, quali schiere, seguendo ognuno, abbian riempito le piane, di quali uomini già allora l'Italia, alma terra, fosse fiorente, di quali armi sia arsa; certo ricordate, divine, e potete raccontare; 645 a noi a stento scivola un leggero soffio di fama. Per primo entra in guerra dai lidi tirreni l'aspro Mezenzio, di sprezzator degli dei, ed arma schiere. Vicino a lui il figlio Lauso, di cui non ci fu un altro più bello eccetto il corpo di Turno di Laurento; 650 Lauso, domator di cavalli e sterminatore di fiere, guida dalla città di Agilla mille uomini, che l'han seguito invano, degno di esser più fortunato nei regni paterni e che non gli fosse padre Mezenzio. Dopo questi ostenta sul prato un cocchio insignito 655 di palma e cavalli vincitori nato da Ercole bello il bell'Aventino, e porta sullo scudo l'insegna paterna, cento serpi e l'Idra cinta di serpenti; lo nella selva del colle Aventino la sacerdotessa Rea, furtivo lo diede col parto alle zone della luce, 660 donna unitasi al dio, dopo che il Tirinzio vincitore, ucciso Gerione, toccò i campi di Laurento, e lavò le vacche ibere nel fiume tirreno. Portano per la guerra in mano lance e terribili bastoni, e lottano con pugnale ben fatto e spiedo sabello. 665 Egli a piedi, avvolgendo una enorme pelle di leone, scarmigliata, con la terribile criniera (e) i denti bianchi indossandola sul capo, così s'avvicinava al palazzo reale, spaventoso e coperto le spalle di mantello erculeo. Poi due fratelli lasciano le mura di Tivoli, 670 popolo chiamato dal nome del fratello Tiburte, Catillo ed il forte Cora, gioventù argiva, E si portano in prima fila tra le dense frecce: Come quando scendono dall'alta cima del monte i due Centauri nati da nubi, lasciando l'Omole e l'Otri 675 rivale con rapida corsa; la immensa salva dà il posto a loro che passano e i virgulti cedono con grande fragore. Né mancò il fondatore della città di Preneste, chè ogni epoca credette un re generato da Vulcano tra le mandrie agresti e trovato nei fuochi, 680 Ceculo. Lo accompagna in gran numero una legione agreste: quegli uomini che abutano l'alta Preneste, quelli che ( abitano) i campi di Giunone Gabina ed il gelido Aniene e le rocce Erniche irrorate di ruscelli, quelli che (tu) ricca Anagni nutri e (tu) padre Amaseno. Non a tutti quelli risuonano 685 armi, scudi o cocchi; la massima parte sparge ghiande di livido piombo, parte porta in mano due due lance, ehd hanno come protezione sul capo caschi rossi di pelle di lupo; fecero orme nude del piede sinistro, cuoio rozzo copre le altre. 690 Ma Messapo, domator di cavalli, prole nettunia, che a nessuno è lecito stendere né col fuoco né col ferro, chiama alle armi popoli già da tempo pigri e schiere disabituate alla guerra e subito riprende il ferro. Questi hanno le schiere fescennine e gli Equi Falisci, 695 questi le rocche del Soratte ed i campi flavini e il lago con il monte del Cimino ed i boschi Capeni. Procedevano uguali di numero ed inneggiavano al re: come allora quando i nivei cigni tra le limpide nubi ritornano dal pasto e danno coi lunghi colli 700 ritmi caanori, ne risuona il fiume e lontano l'asia palude ne è colpita. Nessuno crederebbe che in tanto sciame si aggirino schiere armate, ma che dall'alto gorgo una aerea nube di rauchi uccelli s'affretti ai lidi. 705 Ecco Clauso dell'antica stirpe dei Sabini, che guida un grande esercito e lui stesso come un grande esercito, da cui adesso si diffonde nel Lazio sia la tribù che la gente Claudia, dopo che Roma fu data in parte ai Sabini.. Unica ingente la coorte Amiterna e gli antichi Quiriti, 710 tutto il manipolo di Ereto e Matusca, produttrice d'olivi; Quelli che abitano la città di Nomento, quelli che (abitan) i campi di Rose del Velino, ed le irte rupi di Tetrica ed il monte Severo, Casperia, Foruli ed il fiume dell'Imella, quelli che bevon il Tevere ed il Fabari, quelli che inviò 715 la fredda Norcia, le flotte di Orte ed i popoli latini, quelli che taglaindo dvide l'Allia, nome unfausto: quanto numerosi flutti si muovono nel mare libico quando il crudele Orione si nasconde nelle onde d'inverno, o quando al nuovo sole le dense spighe si arroventano 720 o nella piana di Ermo o nei campi biondeggianti di Licia. Suonano scudi ed al colpo di piedi la terra è atterrita. Di qui l'agamennonio Aleso, nemico del nome troiano, unisce al cocchio i cavalli e strappa per Turno mille popoli fieri, quelli che voltano coi rastrelli Il Massico, 725 ricco di Bacco, quelli che i padri Aurunci mandarono dagli alti colli e le pianure Sidicine vicino, quelli che lasciano Cale e l'abitante del guadoso Volturno, ugualmente l'aspro Saticolo e le schiere degli Osci. Essi hanno per armi frecce ben 730 fatte, ma hanno l'usanza di legarle ad una flessuosa correggia. Lo scudo di cuoio copre le sinistre, spade falcate in duello. Né tu te ne andrai ignorato dai nostri canti, Ebalo, che , si dice, Telone generò dalla ninfa Sebetide Quando teneva Capri, regno dei Teleboi, 735 ormai vecchio; ma il figlio non contento dei campi paterni già allora soggiogava col potere in largo i popoli serrasti e le pianure che il Sarno bagna, quelli che tengono Rufra e Batulo ed i campi di Celenna, e quelli che le mura di Abella, produttrice di mele, guardano, 740 soliti, per pratica teutonica, a vibrare armi da lancio; essi hanno come copricapo corteccia tolta dal sughero, le lance brillano dorate, brilla la spada d'oro. Anche te la montuosa Nersa mandò in battaglia, Ufente, illustre per fama e per le armi fortunate, 745 e tu (avevi) un popolo particolarmente aspro ed abituato alla grande caccia dei boschi, gli Aquicoli dalle dure zolle. Lavorano la terra armati e (loro) piace raccogliere sempre nuove prede e vivere di furto. Inoltre viene un sacerdote della stirpe Marruvia 750 ornato sull'elmo di fronda e di fecondo olivo per incarico del re Archippo, il fortissimo Umbrone, egli soleva col canto e con la mano infondere i sonni alla razza delle vipere ed alle idre che esalano pesantemente, (ne) addolciva le ire e con arte curava i morsi. 755 Ma non riuscì a medicare il colpo della punta dardania e non gli giovarono per le ferite i cannti sonniferi e le erbe cercate sui monti dei Marsi. Ti piansero il bosco di Angizia, te, il Fucino dall'onda vitrea, te i limpidi laghi. 760 Avanzava pure la prole di Ippolito, bellissima in guerra, Virbio, che illustre la madre inviò, allevato nei boschi di Egeria attorno agli umidi lidi, dove ( c'è) il ricco e venerabile altare di Diana. Dicono per fama che Ippolito, dopo che cadde per l'astuzia 765 della matrigna e pagò col sangue il fio al padre, straziato dai cavalli spaventati, e di nuovo giunse allle stelle celesti ed alle alte zone del cielo, richiamato dalle erbe peonie e dall'amore di Diana. Allora il padre onnipotente sdegnato che un mortale 770 dalle ombre infernali risorgesse alle luci della vita, lui stesso con un fulmine scagliò nelle onde stigie il figlio di Febo, lo scopritore di tale medicina e dell'arte. Ma la grande Trivia nascose in sedi segrete Ippolito e lolega al bosco ed alla ninfa Egeria, 775 dove solo ignoto in selve italiche trascorresse la vita e dove fosse, cambiato nome, Virbio. Perciò i cavalli, dal duro piede, sono allontanati dal tempio di Trivia e dai bosci consacrati, perché impauriti da mostri marini, rovesciarono il cocchio ed il giovane sul lido. 780 Nondimeno il figlio montava i cavalli ardenti nella distesa della pianura e col cocchio si lanciava alla guerra. Lo stesso Turno dal corpo potente si porta tra i primi tenedo le armi e con tutta la testa sta al di sopra. Egli (ha ) un alto elmo chiomato con triplice cresta 785 sostiene una Chimera che esala dalle fauci fuochi etnei; tanto più ella fremente e feroce di tristi fiamme quanto più le battaglie incrudeliscono di sangue versato. Ma Io, già coperta di peli, già vacca, con le corna alzate, fregiava il lucido scudo d'oro, 790 (straordinario soggetto) ed Argo, custode della ragazza, ed il padre Inaco che versa un fiume dall'urna sbalzata. Lo segue una nube di fanti e le schiere dotate di scudi si addensano su tutte le piane, la gioventù Argiva, i manipoli aurunci, i Rutuli, gli antichi Sicani, 795 gli eserciti sicani ed i Libici con scudi dipinti. quelli che arano i tuoi gioghi, Tevere, ed il sacro lido del Numico e che lavorano col vomere i colli rutuli ed il giogo circeo, quelli i cui campi protegge Giove Anxuro e la Feronia feconda di verde bosco; 800 dove la nera palude di Satura ristagna ed il gelido Ufente cerca il corso attraverso la profondità delle valli e si nasconde nel mare.